Home Politica Davide (Ob Sar) appello ai leghisti: “Dovreste ascoltare Salvini quando dice che...

Davide (Ob Sar) appello ai leghisti: “Dovreste ascoltare Salvini quando dice che all’Italia non serve burocrazia”

510
12

SARONNO – Riceviamo e pubblichiamo integralmente l’intervento di Luca Davide consigliere comunale di Obiettivo Saronno in merito alla modifica del regolamento del consiglio comunale.

Chiedo scusa ai colleghi consiglieri, non sono certo un consigliere o un politico navigato, quindi preferisco guardare alla sostanza e al vedere come si lavora. Nel primo consiglio comunale da, quasi, tutta la minoranza c’è stato un assenso e un accordo sul dichiarare: “ci sarà un’opposizione costruttiva pronti a vigilare e lavorare per portare avanti il bene della città”, sono rimasto sinceramente stupito… mi chiedo, da politico non esperto, se opposizione costruttiva significhi presentare 23, ripeto, 23 emendamenti, per modificare la proposta di regolamento del consiglio. 23 emendamenti che potrebbero essere leciti se, come già detto, si tratta di sostanza. Gli emendamenti proposti dal gruppo della lega lombarda sono stati per modificare una virgola, per aggiungere avverbi che enfatizzassero concetti già espressi, per aggiungere dettagli che la legge già prevede senza riscriverli, come nel caso delle commissioni d’inchiesta in cui si vuole specificare che la presidenza debba essere della minoranza forse non sapendo che quanto da loro detto è già presente nel testo unico degli enti locali all’articolo 44 comma 1.
Tralasciando che anche in parlamento la Lega Nord sta scendendo a compromessi, giustamente credo, per risolvere i problemi di questo momento difficile insieme alla maggioranza, mi piacerebbe che anche i colleghi consiglieri della Lega cittadina si comportassero allo stesso modo.
Credo che le persone che hanno deciso di votare me, votando quindi Obiettivo Saronno e questa maggioranza, non si aspettano dal sottoscritto certo esperienza politica, che spero di acquisire con il tempo, ma si aspettano voglia di fare e di realizzare progetti concreti con e per la cittadinanza e, di certo, di non lavorare facendo inutile ostruzionismo e boicottaggio, per questo sono contento di votare per le modifiche del regolamento per poter ricominciare a fare, a portare avanti il programma che è stato illustrato dal sindaco nel nostro primo consiglio, per far sì che i cittadini tornino a essere partecipi delle scelte dell’amministrazione.
Concludo con una frase: “L’Italia ha bisogno di velocità, non di burocrazia”, non è una frase di Berlinguer, non è una frase di Pannella e neanche di Stalin, è una frase di Matteo Salvini, a cui voi dovreste ispirarvi, non credo che questo, come pretendere l’invito al consiglio in una piuttosto che in un’altra casella mail, sia il modo migliore di portare avanti il vostro stesso pensiero.

12 Commenti

  1. Una pagina vergognosa quella della Lega a Saronno che sembra aver decisamente perso ogni buon senso. Fare ostruzionismo in questo modo è davvero poco rispettoso nei confronti dei cittadini, che comunque giudicheranno anche questa cosa.

  2. Nessun insegnamento può servire ai leghisti saronnesi e questo”invito” del consigliere inesperto conferma la pochezza politica e la lungimiranza mai presente in tutti quei leghisti che hanno ricoperto in passato e per chi ricopre ora il ruolo di consigliere comunale per cui è stato eletto. La lezione della sconfitta elettorale non è stata metabolizzata e pensare di utilizzare i percorsi burocratici per svolgere il ruolo di opposizione è ancora una volta una strada piena di trabocchetti se non si hanno competenze specifiche. Imparate la tecnica del boomerang e il suo funzionamento.

  3. La lega a Saronno aveva solo voglia di ar perdere tempo, evidentemente questo è il loro contributo alla città in questo difficile momento

  4. Posso essere d’accordo per quanto espresso, ma un po’ di umiltà da parte di questo personaggio non guasterebbe. Sottolinea di essere nuovo della politica, ma le sue uscite sono spesso volte a farlo apparire il primo della classe. Impariamo a volare un po’ basso e a non far uscire un articolo di giornale per ogni cosa non condivisa.

    • Dovrebbero volare bassi quelli della opposizione e rispettare chi si mette in discussione con tanti poli di professione.Magari imparassero a volare….via.

  5. Ovvio che la burocrazia infastidisce. La discussione-fiume avrebbe potuto essere evitata applicando quella democrazia che l’attuale maggioranza tanto elogia ma che di fatto risulta incapace di applicare. Sarebbe stato sufficiente spostare la discussione-fiume in una commissione specificamente dedicata arrivando poi all’approvazione senza sfinire i consiglieri inesperti (e pare ce ne siano parecchi nell’attuale maggioranza). Ma si sà, chi predica bene razzola male.

    • Nei risibili emendamenti presentati c’era solo ostruzionismo nulla di democratico

  6. non fare la verginella … sei giovane ma sai benissimo come funziona.
    Altrimenti ci sono altri hobby alla tua età.

Comments are closed.