SARONNO / VARESE / LIMBIATE / BUSTO ARSIZIO / GALLARATE – E‘ Saronno (+73) stavolta (i dati sono del tardo pomeriggio di ieri) a guidare la crescita dei casi di coronavirus nei centri principali della provincia di Varese, più del capoluogo (+5), di Busto Arsizio (+14) e Gallarate (+6). Casi anche nelle Groane e nella bassa comasca.

Ecco il riepilogo con il numero di contagiati dall’inizio della pandemia, tra parentesi il dato di ieri:

Saronno: 2.223 (2.150)

Caronno Pertusella: 1.044 (1.030)

Origgio: 504 (500)

Cislago: 709 (690)

Gerenzano 704 (692)

Tradate: 978 (959)

Varese: 3.541 (3.536)

Busto Arsizio 4.136 (4.122)

Gallarate 2.639 (2.633)

Malnate 970 (969)

Coquio Trevisago 322

Somma Lombardo 779 (777)

Nel Comasco:

Turate 557 (545)

Mozzate 531 (509)

Lomazzo 499 (478)

In Brianza:

Limbiate 2.300 (2.288)

Cesano Maderno 2.099 (2.090)

Cogliate 552 (547)

Ceriano Laghetto 388 (385)

Lazzate 456 (454)

Misinto 325 (322)

Monza 6.204 (6.176)

Desio 2.354 (2.343)

Seregno 2.335 (2.328)

Lissone 2.414 (2.410)

Brugherio 1.765 (1.764)

Giussano 1.491 (1.479)

Numeri ieri non molto buoni per quanto riguarda la pandemia di coronavirus nella zona con la provincia di Varese che dopo il dato eccezionalmente basso del giorno prima torna a salire, eccome. Con più di mille casi registrati in ventiquattro ore. In salita pure Comasco; relativamente bassa resta la Brianza.

In Lombardia diminuiscono i ricoverati sia nei reparti (-91) sia nelle terapie intensive (-30). Il numero dei tamponi effettuati è 34.811 e 4.048 sono i nuovi positivi (11,6%). I guariti e dimessi sono stati ieri 8.174. Altro lato della medaglia, il triste aumento dei morti: ben +249 i decessi.

Feste di Natale e sci? Il governatore della Lombardia, Attilio Fontana, fa sapere come la pensa.


Per informazioni o per le richieste di aiuto riguardo all’emergenza coronavirus. Numero verde gratuito: in caso di sintomi influenzali o problemi respiratori 800894545. Evitare di utilizzare il numero 112 per non intasare le linee, lasciarlo libero per le emergenze sanitarie.

Informazioni generali: chiamare il 1500, numero di pubblica utilità attivato dal Ministero della Salute o telefonare al proprio medico di medicina generale o al pediatra.

(foto archivio: centro di Saronno)

02122020

1 commento

  1. Non c’è ripresa perché non c’è mai stato un rallentamento, lì sanno tutti che i dati dei primi giorni della settimana sono falsati dal week end.
    Ormai è in po’ che il trend di saronno è su numeri alti, nonostante le chiusure la gente si contagia lo stesso

Comments are closed.