CERIANO LAGHETTO – Soddisfazione da parte dei cerianesi per lo spazio vaccinazioni allestito all’oratorio di via San Francesco grazie ad una produttiva collaborazione tra l’Amministrazione, la parrocchia, i medici di famiglia e la protezione civile, da quella Rovello Porro agli Alpini di gruppo cittadino.

Ieri si è conclusa la prima tranche di vaccinazioni con il pieno rispetto delle norme di sicurezza e una grande attenzione alle esigenze degli over 65.

“Visto che il servizio non poteva essere svolto negli studi medici – spiega il sindaco Roberto Crippa che ieri mattina con l’assessore Romana Campi ha fatto un sopralluogo – ci siamo impegnati per trovare uno spazio adatto. Grazie alla disponibilità di don Giuseppe Collini (anche lui presente ieri mattina) abbiamo potuto allestire il punto vaccinale all’oratorio in uno spazio adeguato per mantenere gli spazi e gestito nei diversi momenti e spazi dalla protezione civile”.

Nel dettaglio è stato allestito uno spazio per l’accoglienza con la possibilità di sanificare le mani e mascherine per chi ne fosse sprovvisto una sala d’attesa con posti a sedere distanziati. Quindi uno spazio interno per la vaccinazione e un piccolo spazio dove l’anziani più fragili possono restare qualche minuto in osservazione.

“E’ stato un successo di tutti dettato dall’impegno di tutti – ha concluso Crippa – del resto fin dall’inizio dell’emergenza ho voluto che i medici di famiglia fossero rappresentati della Coc (centro operativo comunale) proprio per poter ascoltare e rispondere alle esigenze anche su questo fronte.

16 Commenti

  1. Molta meno soddisfazione per i vaccini pagati tantissimo e arrivato in ritardo e non per tutti…. Dateci Zaia

  2. Ma quale soddistanzione se due terzi dei pazienti del Dr. Cavallini non ha avuto il vaccino, perché esaurito?

  3. Purtroppo diverse persone over 65 sono state rimandate a casa senza essere vaccinate per mancanza di vaccino.
    Soddisfazione per location è organizzazione grazie anche al contributo della protezione civile.
    Purtroppo da bocciare chi non si è mosso per tempo per recuperare i vaccini per tutti, Regione Lombardia.

  4. Sono un anziano di 77 anni ieri alle 15 mi sono recato all’Oratorio per essere vaccinato. I VACCINI ERANO TERMINATI. Come me anche una ventina di persone erano già registrate per essere richiamate (quando non è dato sapere).
    L’entusiasmo che traspare dall’articolo non mi sembra opportuno specialmente dalle autorità che dovevano garantire un servizio così importante.
    Buona giornata.

  5. Mi sembra di assistere alla trasmissione “4 ristoranti”.
    Buona la location ed il servizio.
    Speriamo buono il menu (vaccino).
    Non buono il conto: diverse persone sono state mandate a casa per mancanza di vaccin.
    Vuoi vedere che ci sono stati degli infiltrati da Solaro?

  6. Ma io ci sono stato alle ore 15 00. E mi è stato riferito che non c’erano più vaccini. Dunque niente vaccinazione, a questo punto cosa devo fare? Mi richiameranno?

  7. Soddisfazione per chi è riuscito a farlo. Famigliare ultrasessantacinquenne cardiopatico è arrivato all’orario previsto e trovato chiuso, Vaccini finiti. Adesso che deve fare?

  8. Non sono affatto soddisfatto di come si è gestito questa vaccinazione, visto che sono stati forniti
    pochi vaccini. Prima si doveva vaccinare persone con gravi patologie e poi tutti gli altri. Infatti io con gravi patologie (Cardiopatico, iperteso e diabetico) sono rimasto escluso per esaurimento di vaccini.
    Distinti saluti

  9. Dove sono i vaccini antinfluenzali… Dimenticavo, l’ultima è che non arrivano per colpa di eventuali indagini della magistratura…..

  10. Over 65 non disperate, per il prossimo marzo Fontana ha promesso i vaccini, speriamo che sia il 2021. É comunque e sempre colpa di altri.

Comments are closed.