SOLARO – Scoprire come i cittadini delle comunità di Solaro trascorrono il Natale o le festività nelle case e nelle terre d’origine, quali sono le loro tradizioni e quali i piatti tipici del periodo.
È l’obiettivo finale dell’iniziativa I piatti del mondo sotto l’albero dell’Amministrazione Comunale in occasione del Natale 2020.

La consigliera con delega alle Pari Opportunità ed Integrazione Eva Diagne ha coinvolto le comunità locali marocchina, senegalese e pakistana in tre video momenti in cui si mostreranno la preparazione dei piatti e dei dolci tradizionali e l’allestimento della tavola conviviale nei vari paesi del Mondo.
I video saranno pubblicati il mercoledi sulla pagina Facebook del Comune di Solaro:
il 16 dicembre il Marocco con la preparazione del tajine e del tradizionale thè verde;
il 23 dicembre il Senegal con la preparazione del thieboudienne,
il 30 dicembre il Pakistan con la preparazione del chicken karahi.
Sulla stessa pagina, i cittadini che vorranno cimentarsi nella preparazione dei piatti troveranno in anticipo le ricette con gli ingredienti da acquistare.

“In ogni parte del mondo le festività, religiose o non – spiega Eva Diagne, consigliera comunale con delega a Pari Opportunità e Integrazione – sono un momento di tradizione in cui si cucinano piatti tipici e ci si prepara a condividerli con le persone a cui si vuole bene. Quest’anno, come è noto, sarà un Natale particolare, saranno delle feste diverse dal solito, ma non per questo meno sentite. Noi abbiamo voluto continuare sul solco degli eventi estivi per dare ancor più valore ad una reale integrazione tra i cittadini di Solaro e, come sappiamo, il cibo unisce davvero tutti.
Ringraziamo Sodexo, le associazioni Assim, Hann solidarietà internazionale e la comunità pakistana di Solaro per la collaborazione e per la consueta disponibilità a partecipare a queste iniziative”.

4 Commenti

  1. In questa vita imperfetta abbiamo bisogno anche di una certa quantità di cose inutili. Se tutte le cose inutili sparissero, sarebbe la fine anche di questa nostra imperfetta esistenza.
    (Haruki Murakami)

Comments are closed.