SARONNO – Nella prima mattinata di oggi 16 dicembre, i carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Saronno hanno arrestato un trentenne del posto ritenuto responsabile di due distinte rapine consumate ai danni di esercenti commerciali a Saronno.

I due episodi – Il 6 dicembre, All’ora di chiusura, un uomo si introduceva all’interno di un negozio d’abbigliamento dove, minacciando con un coltello la titolare si faceva consegnare l’incasso della giornata per un totale di circa 150 euro in contanti. Il giorno dopo il copione si è ripetuto ma stavolta ai danni di un piadineria in zona semicentrale: l’uomo irrompe all’interno in orario serale e sempre sotto minaccia di un coltello si fa consegnare la somma contante presente in cassa per un totale di 100 euro, in entrambi i casi facendo poi perdere le proprie tracce lungo le vie circostanti in sella a una bicicletta.

L’inchiesta – Le indagini avviate nell’immediatezza hanno consentito in un primo momento di ricondurre ad unica matrice i due distinti episodi, successivamente grazie all’utilizzo di alcune immagini degli impianti di videosorveglianza è stato possibile risalire alla figura del responsabile e tracciare i suoi spostamenti che lo collocavano esattamente nei luoghi interessati dalle rapine. Le serrate ricerche sia all’interno della città di Saronno che nei comuni limitrofi hanno in poco tempo consentito l’individuazione e l’identificazione dell’uomo nei confronti del quale, l’autorità giudiziari, sulla base degli elementi raccolti, ha emesso l’ordinanza di custodia cautelare eseguita stamane. L’uomo dopo le formalità di rito è stato trasferito nel carcere di Busto Arsizio.

(foto archivio)

16122020