SARONNO / BUSTO ARSIZIO / GALLARATE / VARESE – Riprende lentamente la salita dei contagi da Coronavirus in Lombardia. La città di Varese vede altri 45 nuovi positivi, sfiorando i 3.990 casi totali da inizio pandemia. Più moderati, invece, gli incrementi nelle altre grandi località del Varesotto, come Busto Arsizio, che vede 23 nuovi casi, e Gallarate, che cresce solo di sette unità.

Ecco i contagi rilevati nelle località da inizio pandemia (tra parentesi i dati di ieri per un confronto):

Saronno: 2.479 (2.472)

Caronno Pertusella: 1.096 (1.095)

Origgio: 520 (515)

Cislago: 754 (753)

Gerenzano 745

Tradate: 1.047 (1.042)

Varese: 3.989 (3.942)

Busto Arsizio 4.638 (4.615)

Gallarate 2.907 (2.900)

Malnate 1.051 (1.045)

Coquio Trevisago 344

Somma Lombardo 866 (862)

Nel Comasco:

Turate 607 (603)

Mozzate 576 (575)

Lomazzo 571 (568)

In Brianza:

Limbiate 2.447 (2.422)

Cesano Maderno 2.259 (2.226)

Cogliate 586 (583)

Ceriano Laghetto 414 (409)

Lazzate 484 (481)

Misinto 352 (348)

Monza 6.681 (6.583)

Desio 2.512 (2.481)

Seregno 2.524 (2.482)

Lissone 2.593 (2.569)

Brugherio 1.868 (1.848)

Giussano 1.598 (1.589)

Continuano a diminuire i ricoverati in terapia intensiva (-27) e nei reparti (-50). Il numero dei tamponi effettuati è 37.605 e 2.994 sono i nuovi positivi (7,9%). I guariti e dimessi sono 9.045. decessi in territorio lombardo restano tanti, oggi sono stati +106, in linea con i numeri di ieri.

Scende il Varesotto, balzo della Brianza, numeri ancora in tripla cifra anche nel Comasco; ecco il quadro locale dell’emergenza corovirus e dei nuovi casi positivi registrati oggi.


Per informazioni o per le richieste di aiuto riguardo all’emergenza coronavirus. Numero verde gratuito: in caso di sintomi influenzali o problemi respiratori 800894545. Evitare di utilizzare il numero 112 per non intasare le linee, lasciarlo libero per le emergenze sanitarie.

Informazioni generali: chiamare il numero 1500, numero di pubblica utilità attivato dal Ministero della Salute o telefonare al proprio medico di medicina generale o al pediatra.

(foto: l’ospedale di Tradate)

17122020