CERIANO LAGHETTO – Anche quest’anno, in vista del Capodanno, l’Amministrazione comunale di Ceriano Laghetto, si unisce alla campagna “No Botti” promossa dalle associazioni animaliste. Come spiegano dal Comune “gli animali hanno l’udito molto più sviluppato di quello umano: una capacità uditiva agli ultrasuoni di frequenza fino 60.000 e persino di 70.000 hertz nei gatti, mentre l’uomo non arriva oltre  i 16.000 hertz. Pertanto, ogni botto, per gli animali domestici è uno spavento enorme, che in troppi casi ha portato anche alla morte dell’animale. Inoltre, il panico conseguente ai botti, è causa di disorientamento, per cui sono tanti  i pericoli in cui possono incorrere gli animali, sia quelli selvatici che, ancora di più, quelli domestici. Possono smarrirsi in seguito alla fuga, allontanandosi dai luoghi abituali; possono andare a sbattere contro edifici o strutture fisse; restare intrappolati in qualche rete o cadere in buche. Possono correre in mezzo alla strada rischiando di essere investiti. Per evitare questi pericoli, ci sono alcuni accorgimenti da seguire durante il periodo delle feste: evitare di fare uscire i gatti, di tenere cani e coniglietti in giardino, meglio metterli al sicuro in luoghi chiusi. Durante il momento di maggior intensità dei festeggiamenti, se possibile, chiudere finestre e tapparelle ed alzare un po’ il volume della televisione, in modo da coprire il rumore dei botti”.

L’Amministrazione comunale di Ceriano Laghetto, per sensibilizzare i cittadini, ha pensato ad una campagna “interattiva”, rendendo protagonisti proprio i Cerianesi e i loro amici a quattro zampe. “In questi giorni abbiamo chiesto ai cittadini di inviare una foto insieme all’animale di casa, con un cartello o un simbolo di adesione alla campagna No Botti” ricorda l’assessore alla Protezione animali, Antonella Imperato. “Secondo me una miglior conoscenza degli animali e delle loro abitudini ed esigenze è la base per rispettarli. Sono anche convinta che le campagne siano più efficaci, quando i cittadini sono coinvolti personalmente. Il 2020 è stato un anno davvero difficile, pertanto credo che, anche nel rispetto di chi soffre e di chi è in ristrettezze economiche, si può festeggiare in maniera sobria, rinunciando ai botti”. L’assessore Imperato spiega che con le foto raccolte è stato composto un collage, pubblicato sui social del Comune.

31122020

 

3 Commenti

  1. Ottimo anche se fa un pochino strano definirsi amici degli animali visto che il partito di appartenenza è favorevole si circhi e alla caccia

Comments are closed.