SARONNO – “Avete rubato la scritta, ma non la nostra vita”. Così responsabili della Focris, il centro anziani non autosufficienti di via Don Volpi hanno replicato a chi, nella notte, ha rubato una delle luminarie appese in questi giorni di festività natalizie alla recinzione della rsa. Una luminaria le cui lampadine creavano le parole “Qui c’è vita” per testimoniare lo spirito con cui tutti alla Focris, che ha pagato un pesante dazio alla pandemia, stanno affrontando l’emergenza coronavirus.

Nelle scorse settimana dalla Focris era stato chiesto a tutti i cittadini di collaborare, di fermarsi un istante fuori dalla casa di riposo (non si può entrare per tenere lontani eventuali contagi) e appendere una decorazione natalizia alla recinzione. Tanti lo hanno fatto ed è stata posizionata dagli operatori Focris anche la luminaria, che è stata adesso rubata.

La Focris è la casa di riposo sovracomunale, con ospiti saronnesi e provenienti dagli altri centri della zona.

(foto: la luminaria rubata alla Focris di via Don Volpi a Saronno)

05012021

5 Commenti

  1. AIROLDI!!!
    … noi condanniamo questo gesto vile e meschino esprimendo tutta la nostra solidarietà alla Focris.

  2. Che stresssssss …… Stanno iniziando a stancare tutti questi pettegolezzi sulla Focris…. Che pensassero al bene degli Anziani piuttosto che perdere tempo a rilasciare dichiarazioni inutili.

  3. Non è vero, abito in zona è tornando a casa a piedi ho notato il tabellone buttato all’interno della cinta, cercate bene. Avranno fatto un brutto scherzo.

Comments are closed.