TRADATE – Ieri a Roma la relazione della Corte dei conti europea sulla capacità di spendere i soldi stanziati: “Tutte valutazioni che servono per conoscere cosa non funziona nella spesa, prima di parlare del Recovery fund! Perchè avere i soldi ma spenderli male o in ritardo, oggi è un danno doppio. Ma la partecipazione è stata sconcertantemente scarsa e non solo di presenza, ma anche di domande! Noi invece c’eravamo. Ma solo noi…” Così l’ex sinadaco di Tradate, e senatore della Lega, Stefano Candiani, che non ha mancato di realizzare una foto per mostrare una sala desolantemente vuota.

L’esponente politico leghista non ha dunque mancato di stigmatizzare la a dir poco “tiepida” accoglienza, e la mancata partecipazione all’appuntamento da parte di molti suoi colleghi degli altri partiti politici.

(foto: il senatore tradatese Stefano Candiani, esponente della Lega, nella sala riunioni a Roma per ascoltare la relazione della Corte dei conti europea)

14012021

3 Commenti

  1. Ottimo, promuova la buona prassi della partecipazione anche al leader di partito, che come noto aveva livelli di presenze incredibili a Bruxelles

  2. Candiani guardi che c’e’ chi in Ue ha lavorato sodo mesi per ottenere 209 miliardi di cui 90 a fondo perduto. Poi ci siete voi che in quei mesi facevate convegni coi negazionosti ed in Ue votavate contro il piano di aiuti.

Comments are closed.