SARONNO – “C’è un punto fermo, l’ospedale di Saronno ha diversi problemi di carenza di personale. Di fronte a questa situazione dimentichiamoci la campagna elettorale: c’è un problema che riguarda tutta la città di Saronno. E’ essenziale che tutti si mobilitino per difendere l’ospedale, maggioranza ed opposizione”.

Sono le parole di Mattia Cattaneo Capogruppo di Saronno Civica – lista Airoldi che interviene sul delicato tema della mobilitazione per l’ospedale di Saronno. La struttura di piazzale Borella è diventata, nella prima ondata, un ospedale Covid ed ha perso diversi reparti tra cui il punto nascita e l’oncologia che non solo più tornati operativi neanche durante il periodo estivo. Non solo. L’emergenza della seconda ondata ha acuito i problemi di personale della struttura soprattutto per quanto riguarda la rianimazione dove la notte di San Silvestro è arrivato un ridimensionamento dei pazienti con il trasferimento di quelli del reparto Covid.

Una situazione tanto preoccupante da spingere gli infermieri del reparto con medici e colleghi anche di altri unità ad organizzare un presidio lunedì mattina. “La difesa dell’ospedale di Saronno non è campanilistica – tiene a precisare Cattaneo – serve 180 mila persone, ha un bacino d’utenza rilevante. Di fronte a questi numeri è importante che l’Asst faccia delle riflessioni e tragga delle conseguenze”.
“Bisogna muoversi su Regione Lombardia e Asst Valle Olona – rimarca Cattaneo – bisogna ricercare la collaborazione con le istituzioni con chi può e deve decidere. L’importante dal mio punto di vista è che ci sia unità d’intenti”. Da queste considerazioni arriva l’appello: “Lo ribadisco – conclude – dimentichiamoci le divisioni che ci sono state in campagna elettorale. E’ interesse di tutti, al di là degli steccati maggioranza e opposizione, fare un fronte comune per difendere il nostro ospedale”.

6 Commenti

  1. Se nessuno si sbriga e continuate a fare proclami e parole, si perdono altri pezzi. Dovete andare a picchiare i pugni da Porfido e in regione. Poi per ricordarvi si è persa anche la pediatria e la riabilitazione!!!

    • https://ilsaronno.it/2020/10/01/ospedale-forza-italia-bacchetta-le-opposizioni-balle-colossali-che-hanno-danneggiato-e-umiliato-anche-il-personale/

      Il primo ottobre scorso, sulla acclusa torrentizia esternazione, Forza Italia di Saronno scriveva: “…impegni precisi circa il rientro dei reparti… c’è chi ha fatto dell’ironia o ha parlato di vane promesse elettorali…”.
      Due considerazioni statistiche:
      1. E da tre mesi e mezzo che Forza Italia non produce nessun “comunicato”. Qualcuno sostiene che non si è ancora ripresa dalla delusione elettorale: credeva di suonare la “Marcia trionfale” e ha suonato…la “ritirata”.
      2. Oggi l’anonimo invoca i “pugni”. Forza Italia nell’articolo parla di “balle”, che in realtà hanno raccontato loro prendendo in giro i Saronnesi. Altri colleghi di schieramento richiamavano, in altra occasione, gli “attributi”.
      I vocaboli “pugni, balle, attributi”, sia consentito dirlo, provengono solo da una certa parte. Con queste caratteristiche (“pugni, balle, attributi”) la ex maggioranza cosa ha ottenuto per il nostro ospedale?

  2. Forse non l’avete ancora capito, siete in maggioranza e l’appoggio dell’opposizione conta poco, adesso tocca a VOI!!!
    Basta parole, basta stare seduti dietro la scrivania, l’azione e su come muovervi spetta a VOI!!!!
    State aspettando che l’opposizione vi fornisca idee???

  3. Sopratutto coinvolgere tutti i comuni che ruotano attorno all’ospedale di Saronno Groane comprese.

  4. Giusto, concordo totalmente con Cattaneo !
    Dimentichiamoci le divisioni politiche e fronte comune per mantenere l’Ospedale di Saronno.
    Un Ospedale efficiente e di primo livello.
    Fralp

Comments are closed.