MILANO – Come preannunciato nei giorni scorsi dal governatore Attilio Fontana, Regione Lombardia si appresta a chiamare in causa il ministro della Salute, Roberto Fontana. Lunedì, si apprende da una nota dell’ente regionale, sarà presentato ricorso al Tar, il Tribunale amministrativo lombardo, contro l’ordinanza del ministro, firmata nel tardo pomeriggio odierno e che pone la Lombardia in Zona rossa, da domani a domenica 31 gennaio. La richiesta della Regione sarà quella di una sospensione o annullamento della ordinanza.

Fontana aveva chiesto al ministro Speranza di “rispamiare” alla Lombardia la Zona rossa sottolineando che i dati della pandemia negli ultimi giorni hanno indicato un miglioramento.


Per informazioni o per le richieste di aiuto riguardo all’emergenza coronavirus. Numero verde gratuito: in caso di sintomi influenzali o problemi respiratori 800894545. Evitare di utilizzare il numero 112 per non intasare le linee, lasciarlo libero per le emergenze sanitarie.

Informazioni generali: chiamare il numero 1500, numero di pubblica utilità attivato dal Ministero della Salute o telefonare al proprio medico di medicina generale o al pediatra.

16012021

4 Commenti

  1. Se i politici della nostra regione non avessero investito tante energia al posto che in polemica, in sano lavoro a tutela dei lombardi, forse non avremmo avuto la meta’ dei decessi nazionali.

  2. Come dice Alfieri prima concordate i parametri con il governo e poi solo per creare polemiche le contestate

    • ed aggiungiamoci che se al posto di passare il tempo a polemizzare, avessero usato le energie per lavora e proteggerci meglio, magari non ci sarebbero state tutte que decessi, ricoveri e tantissima gente che ha sofferto le pene dell’inferno.

Comments are closed.