CARONNO PERTUSELLA – Nove punti nelle ultime tre partite per la Caronnese che torna al terzo posto in classifica in serie D, dopo la vittoria esterna di domenica sccorsa a Tortona contro i locali del Derthona. Insomma, i rossoblù volano ma l’allenatore Roberto Gatti invita a tenere i piedi per terra, anche perchè domenica scorsa c’è la sfida con i secondo in classifica del Bra.

La squadra di mister Gatti era già sul campo lunedì mattina per allenarsi: “Ci prepariamo allo scontro diretto col Bra, altra gara difficile. Ma in fondo come tutte le altre perchè nel girone i valori sono molto livellati e chi centra qualche risultato positivi di seguito subito vola” fa notare il tecnico. La Caronnese era partita male, “ma proprio la falsa partenza probabilmente ci ha dato la scossa – ipotizza Gatti – anche perchè c’erano state delle sconfitte rombolesce ed immeritate, che ci avevano dato la consapevolezza di portercela giocare contro tutti”. E’ stato trovato un centravanti come Banfi, classe 2000, che continua a segnare, ed un gruppo mediamente molto giovane, “vista l’età è un gruppo che può dare delle prospettive alla società, ci sono possibilità di migliorare ancora – rimarca Gatti – Poi, il campionato si dice sicuramente fra marzo ed aprile. Adesso Gozzano e Bra sono davanti a tutti ma giochi non sono ancora fatti”.

Sulla per la situzione che tutto il calcio sta vivendo per l’emergenza coronavirus, con le partite giocate a porte chiuse “il pubblico – rimarca l’allenatore della Caronnese – ci manca tantissimo”.

Infine una valutazione tattica: “Causa assenze, come quella di capitan Corno che sta recuperando, siamo passati dal 4-3-1-2 al 4-4-2: un gioco più “piatto”, con meno profondità ma i risultati stanno arrivando lo stesso” fa notare il mister.

16022021