TRADATE – Nella mattinata odierna a Tradate, su disposizione della Procura della Repubblica di Milano, i carabinieri della stazione di Rho hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione di misura cautelare in carcere e ad un decreto di sequestro preventivo di denaro contante e su conto corrente, emessi dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Milano, nei confronti di un italiano di 36 anni, già noto alle forze dell’ordine, ritenuto responsabile dei reati di truffa aggravata e sostituzione di persona aggravata continuata.

L’odierno provvedimento cautelare trae origine da un’attività d’indagine, condotta in poco più di tre mesi, dalla stazione carabinieri di Rho sotto la direzione del sostituto procuratore della Procura della Repubblica al Tribunale di Milano, Cristian Barilli, originata da una denuncia di truffa presentata al suddetto reparto dell’Arma nell’ottobre del 2020. Le indagini immediatamente avviate si sono avvalse di diversi strumenti investigativi tradizionali ed hanno consentito di raccogliere in un brevissimo lasso temporale gravi indizi di colpevolezza a carico dell’indagato. In particolare hanno permesso di accertare come l’arrestato, dal mese di gennaio del 2019 fino all’ottobre del 2020, abbia ripetutamente indotto in errore due anziani coniugi rhodensi procurandosi un profitto pari ad oltre 60.000 euro.

Il modus operandi del truffatore è consistito nel qualificarsi come rappresentante di un’azienda di energia, riuscendo ad indurre i coniugi a stipulare nuovi contratti per i servizi di fornitura domestica di luce e gas, senza consegnare loro alcuna copia dei documenti sottoscritti. L’uomo si era inoltre offerto di provvedere personalmente ai pagamenti relativi alle spese derivanti dai contratti di fornitura, convincendo le parti offese ad effettuare, con cadenza quasi quotidiana e talvolta con insistenza, presentandosi anche in orario notturno, prelievi di contanti agli sportelli bancomat, sempre in sua presenza in modo da poter controllare le attività degli anziani ed impossessarsi immediatamente del denaro. Oltre al denaro contante, l’uomo aveva indotto i due anziani a consegnargli alcuni preziosi (gioielli in oro) a suo dire necessari a far fronte alle spese per la fornitura di luce e gas, garantendo che tali oggetti sarebbero stati riconsegnati loro una volta effettuato il pagamento ma di fatto mai restituiti.

Con altrettanta spregiudicatezza, l’arrestato, nell’estate del 2020, aveva rappresentato ai coniugi la possibilità di effettuare opere di ristrutturazione dell’abitazione familiare occupandosi direttamente delle pratiche necessarie a garantire un risparmio di costi. In due distinte occasioni si era quindi presentato insieme a loro, fingendosi il nipote, nella sede di una società di credito ove le vittime avevano richiesto un prestito personale, la cessione del quinto ed altri servizi, il cui valore era poi stato incassato dal truffatore, in parte nell’immediatezza in denaro contante ed in parte attraverso un bonifico bancario su conto corrente a lui riconducibile. Fortunatamente un terzo tentativo di richiesta di finanziamento non era andato a buon fine in quanto l’impiegato della banca, insospettitosi dall’atteggiamento dell’uomo, non aveva dato corso alla richiesta. L’arrestato è stato trasferito nel carcere di San Vittore a Milano in attesa dell’interrogatorio.

(foto archivio)

17022021

1 commento

  1. già noto alle forze dell’ordine….e per questo ancora tranquillamente libero in giro a far danni….mi pare logico.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.