SARONNO – Il mondo del softball italiano piange oggi la scomparsa del suo rappresentante più emblematico: il covid, in pochi giorni, ha portato via Enrico Obletter, creatore, mente e cuore, del progetto che, in tre anni, ha collocato l’Italia nell’élite assoluta della “palla gialla” mondiale, con la conquista del titolo europeo e della qualificazione per i Giochi olimpici. Sessantuno anni, volto simpatico e noto ai saronnesi (perchè abitava per diversi mesi all’anno a Saronno, con la moglie Giovanna Palermi allenatrice dell’Inox Team Saronno), difficile descrivere lo sgomento, l’incredulità di fronte a questa notizia. Il presidente Andrea Marcon, che è rimasto in continuo contatto per gli aggiornamenti nelle ultime, drammatiche giornate, ha voluto affidare a una lettera indirizzata proprio a lui le parole di commiato da chi è stato più di un collaboratore e un amico:

Caro Enrico, 

in queste ore, da quando ho ricevuto la notizia del peggioramento delle tue condizioni cliniche, continuo a leggere e rileggere gli ultimi messaggi che ci siamo scambiati. Messaggi di affetto, legati all’amicizia che ci lega da ormai 30 anni e dal tuo voler essermi vicino in questi mesi così complicati. Parlare di te non è facile perché nel mio ruolo dovrei ricordare il grande allenatore, il condottiero che più di ogni altro in Italia ha saputo portare in trionfo le squadre che ha allenato. 

E invece non riesco a pensare agli scudetti, alle coppe, ai titoli con la Nazionale e alla Qualificazione Olimpica. Non ci riesco perché davanti ai miei occhi ho solo l’uomo generoso, dal cuore grande e sincero. Fra le tante cose che ho imparato da te c’è anche il fatto di aver compreso che si può avere un rapporto lavorativo importante, come quello che lega un presidente di Federazione al proprio allenatore della Nazionale, tenendo separati l’amicizia e l’affetto. Noi abbiamo parlato, discusso, litigato, ma ci siamo sempre confrontati da uomini leali perché insieme, ognuno nel proprio ruolo, sapevamo di perseguire un risultato comune. 

Mi mancheranno le chiacchierate nella stanza dei fisio, con davanti quel caffè preparato con la moka che Elio porta in ogni angolo di mondo e quelle risate a crepapelle con i tuoi racconti di vita vissuta sui campi di softball. Mi mancheranno le volte in cui mi spiegavi il perché delle tue scelte, nonostante io ribadissi che non mi dovevi dire niente perché non rientra nei miei compiti discuterle. E ogni volta che ti rispondevo così mi guardavi e ripetevi: “tu sei il mio presidente e tu devi sapere.” 

Chiudo gli occhi e rivedo l’abbraccio di Utrecht, dopo la vittoria sulla Gran Bretagna, e sento ancora le tue parole: “sono contento di non averti deluso.” E la mente corre subito a Ronchi dei Legionari, alla vittoria dell’Europeo Under 19 quando ti sei sentito male per l’emozione di aver portato al titolo Europeo quella Nazionale per cui avresti fatto di tutto. Non ti eri nemmeno accorto di aver fatto venire le lacrime agli occhi al direttore dell’albergo che, dopo aver origliato il tuo ultimo discorso alla squadra prima di salire sul bus, disse: “vorrei andare in campo io a giocare questa partita per lui”. Magnetico, competente, vincente. Ma soprattutto un grande amico mio e del softball italiano e mondiale. 

Caro Enrico, rileggo ancora i tuoi messaggi e, dal profondo del mio cuore, ti dico che sono immensamente orgoglioso di averti avuto come allenatore della mia Nazionale. 

Fai buon viaggio fratellone. Ti voglio bene. 

Andrea Marcon 

Tutto il softball e il baseball italiani si uniscono nel dolore e nel pensiero di conforto a Giovanna, alla famiglia e ai tanti amici di Enrico, in ogni parte del mondo.

Nato a Sydney (Australia) nel 1959, Enrico Obletter arriva in Italia da giocatore di baseball nel 1984, nella terra abruzzese da cui era partita la sua famiglia, portando il Chieti alla storica promozione in A2. Si mette in luce come tecnico di softball guidando il Parma in serie A e occupandosi della pedana di lancio azzurra per le Olimpiadi di Sydney del 2000, nelle quali, con il quinto posto, l’Italia di Tonino Micheli raggiunge il miglior piazzamento di sempre. Sono 10 gli anni che lo vedono al fianco di Micheli e 2 quelli con Marina Centrone nello staff azzurro. 

Nel frattempo, conduce una carriera che lo porta ad essere il manager più vincente della storia nelle squadre di club italiane, sia in campo nazionale (9 Scudetti e 3 Coppe Italia), sia in campo europeo (5 Coppe dei Campioni), fra Macerata, Caserta e Bussolengo. A inizio 2017 arriva la chiamata alla guida della Nazionale italiana di softball, progetto che prende in mano con tutta la passione, l’energia e la competenza che lo caratterizzano, plasmando con determinazione un gruppo di atlete eccezionali, che sposano completamente, insieme a lui e al suo staff, la causa, in una progressione impressionante che porta le azzurre, nel corso di in un fantastico 2019, prima nuovamente sul tetto d’Europa, quindi, dopo pochi giorni, ad attraversare come un ciclone inarrestabile il diamante olandese della Qualificazione Olimpica, mettendo in fila, senza una sbavatura, le più forti squadre d’Europa e di Africa. Un crescendo di emozioni che portano l’Italia del softball ai Giochi di Tokyo e tutti gli appassionati a innamorarsi di un gruppo di campionesse che si considerano “sorelle”. 

23022021

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.