ORIGGIO – “In un fine settimana particolare, a causa del triste “anniversario” della prima diagnosi di Covid-19 in Italia, Origgio Democratica ha partecipato a due importanti eventi per il nostro territorio”.

Inizia così la nota condivisa dalla lista civica origgese che fa il punto delle iniziative a cui ha partecipato nel weekend.

“Sabato 20 al presidio organizzato davanti all’ospedale di Saronno, dalla “Società della cura saronnese” e dal “Comitato per la difesa della salute del Varesotto”, con l’obiettivo di evidenziare la situazione di difficoltà della struttura e il proporre soluzioni per evitarne la chiusura: mai come oggi, dopo un anno di emergenza sanitaria, è chiaro a tutti quanto sia importante una sanità pubblica efficiente, territoriale, accessibile a tutti. La salute non è una merce, la sanità non può continuare ad essere un’azienda, così come drammaticamente sembra essere. È stata l’occasione per incontrare molte persone che, come noi, credono nella sanità territoriale e sono preoccupati per la situazione in cui versa l’ospedale di Saronno”.

Ma non solo: “Domenica 21 febbraio, ci siamo trovati al Parco della Mezzaluna, in via Giosuè Ceriani, a Origgio, per scoprire insieme la targa dedicata dagli amici cinofili a Domenico Ambrosini, nostro amico e consigliere deceduto a novembre scorso, colpito proprio dal Covid-19, alla presenza del sindaco Evasio Regnicoli. Un semplice gesto, ricco di attenzione e affetto, che conferisce a quel luogo un importante valore simbolico, il valore della memoria”.

23022021

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.