Home Groane Ceriano Laghetto Coronavirus, crescono i casi anche a Ceriano Laghetto

Coronavirus, crescono i casi anche a Ceriano Laghetto

300
6

CERIANO LAGHETTO – Gli ultimi dati sulla diffusione dei contagi a Ceriano Laghetto rilevano la presenza di 15 attualmente positivi al Covid 19 e di 209 sottoposti a sorveglianza attiva. La scoperta di nuovi casi nell’arco di 7 giorni, nell’ultimo mese, resta compresa tra 1 e 6 casi. “Venerdì scorso, per la Regione Lombardia è stata confermata la “zona gialla” e i numeri al momento, per Ceriano si mantengono su quei livelli, ma è evidente la necessità di non abbassare la guardia, perché la situazione è in continua evoluzione e preoccupa la rapidità di diffusione delle cosiddette “varianti” rimarca il sindaco cerianese, Roberto Crippa.


Per informazioni o per le richieste di aiuto riguardo all’emergenza coronavirus. Numero verde gratuito: in caso di sintomi influenzali o problemi respiratori 800894545. Evitare di utilizzare il numero 112 per non intasare le linee, lasciarlo libero per le emergenze sanitari.

Informazioni generali: chiamare il numero 1500, numero di pubblica utilità attivato dal Ministero della Salute o telefonare al proprio medico di medicina generale o al medico pediatra.

25022021

6 Commenti

  1. Io la mascherina non me la metto
    gli italiani non voglio il distanziamento
    Io apro
    apriamo tutto….

    e infinito altro nel carosello ex sovranista!

    • E certo…. Come fai a mettere mascherina se aspetti quelle della regione Lazio (Zingaretti) pagate e mai ricevute

      • Commento che si commenta da se ma ci provo.
        Lei dove vive in Lombardia o nel Lazio? Tralasciando quanto sopra la sua è una trasposizione padana dal ” chi è senza peccato scagli la prima pietra” al ” lo fanno gli altri posso farlo nche io”?

  2. come la mettiamo con il vostro capitano che continua a strombazzare di aprire tutto?
    è solo confusione o mera propaganda sulla pelle delle persone?

  3. Esagerati, e pensare che il governatore crea zone rosse malgrado il suo leader va in giro con maglietta “io apro” e sostiene che a Pasqua non si può chiudere… Dispensatori di panico

Comments are closed.