LIMBIATE – E’ stato proclamato oggi 25 febbraio per tre giorni il lutto cittadino nella città di Limbiate, dove è cresciuto l’ambasciatore italiano nel Congo Luca Attanasio, ucciso nel corso di un agguato lunedì 22 febbraio, e dove tutt’ora vive la sua famiglia.

Per tutta la durata del lutto, le bandiere sugli edifici pubblici saranno ripiegate a mezz’asta, alle 11 di oggi verrà osservato un minuti di raccoglimento negli uffici pubblici, che rimarranno chiusi nella giornata di domani 26 febbraio.

Proprio mentre nella Basilica di Santa Maria degli Angeli a Roma si stanno svolgendo i funerali di Stato di Luca Attanasio e del carabiniere della sua scorta Vittorio Iacovacci (funerali a cui partecipa anche il sindaco Antonio Romeo), la comunità di Limbiate si sta preparando all’ultimo saluto di un amico, un parente, un compagno di classe o di avventura, un confidente.

A questo proposito, per questa sera alle 20.45 presso la Chiesa di San Giorgio di Limbiate centro è prevista la veglia funebre, che sarà possibile seguire in diretta streaming sui canali della parrocchia. Nella giornata di domani 26 febbraio, invece, sarà allestita la camera ardente nell’atrio del municipio di via Monte Bianco: chi vorrà rendere omaggio all’ambasciatore potrà farlo dalle 10 alle 19.

Infine, sabato 27 febbraio alle ore 10, è prevista la cerimonia funebre limbiatese presso il centro sportivo di via Tolstoj, all’aperto: a celebrare sarà l’Arcivescovo di Milano Monsignor Mario Delpini ed è prevista la partecipazione delle autorità e delle istituzioni locali. Al termine della cerimonia, la salma di Luca Attanasio sarà tumulata al cimitero Maggiore di via Fiume.

25022021