VARESE – Varianti scozzese, inglese e pure sconosciute: è quanto emerso dallo screening che Ats Insubria ha eseguito su molti residenti a Viggiù, per ora unica Zona rossa della provincia di Varese. Sono state trovate 90 persone positive ovvero il 2.3 per cento di chi si è sottoposto al tampone. Sono ufficialmente 13 i casi di variante scozzese, 3 di variante inglese, 7 persone con il ceppo virale originario e poi ci sono altri 5 casi di varianti non conosciute. Mentre su 58 persone la carica virale era bassa e quindi non è stato possibile giungere a questo tipo di approfondimento, relativo all’eventuale variante.

A Viggù Regione Lombardia ha deciso di avviare la prima vaccinazione di massa del Varesotto: si inizia sabato con gli over 80, e poi con i cittadini della fascia fra i 66 ed i 79 anni (sempre con vaccino Moderna). Da lunedì toccherà a chi ha fra i 18 ed i 65 anni, in questo caso riceveranno il vaccino Astrazeneca. La vaccinazione è facoltativa, a Viggiù gli abitanti sono in tutti 5.315.

25022021

1 commento

  1. Esagerati, e pensare che il governatore crea zone rosse malgrado il suo leader va in giro con maglietta “io apro” e sostiene che a Pasqua non si può chiudere… Dispensatori di panico

Comments are closed.