Home Città Saronno, scoppia la polemica dei colombi. Gli animalisti: “Stop alle reti sul...

Saronno, scoppia la polemica dei colombi. Gli animalisti: “Stop alle reti sul campanile”

1502
18

SARONNO – “Gli Amministratori del Comune di Saronno, anche se Giunta e sindaco son cambiati, sembra non intendano cambiare la linea di ostilità contro gli animali. L’ultima trovata, hanno fatto chiudere con reti la cella campanaria della chiesetta dedicata all’eremita Antonio che, guarda un po’, sarebbe il protettore degli animali. Lo scopo è impedire l’accesso ai colombi”. Inizia così un comunicato dell’associazione Cento per cento animalisti, i cui attivisti ce l’hanno con l’ente locale per non avere “impedito” l’intervento, compiuto dalla curia con il nulla osta della Sovrintendenza, alla chiesetta di via Sabotino.

Proseguono da Cento per cento animalisti: “Stessa misura, peraltro orribile dal punto di vista estetico, è stata adottata anche per un’altra chiesetta locale. Insomma gli animali e le loro esigenze non sono tollerati nel Comune. Antonio, siamo sicuri, si rivolterebbe nella tomba. Quest’anno ai suoi “protetti” sono stati risparmiati i disagi e le sofferenze della famosa Sagra e relativo corteo storico, ma solo a causa del covid, non per una presa di coscienza degli organizzatori. Adesso se la prendono con i colombi: i danni dei colombi si possono risolvere semplicemente… lavando gli edifici dove vivono. Non sarà che ogni scusa è buona per spendere denaro senza alcun riguardo per gli animali?”

26022021

18 Commenti

  1. E’ un comunicato delirante.
    I colombi / piccioni sono dannosi ed è prassi comune proteggere le aree “a rischio” con le reti.

  2. Spendere denaro!

    Costo di una retina di protezione? 200 euro? (senza danni agli animali)
    Costo annuo per la pulizia del monumento? 2000 euro bastano?

    Il Saronno, siete rimasti gli ultimi a dar voce a mentecatti come questi qua e Silighini. Suvvia, smettetela anche voi.

  3. Ok che gli animali hanno anche loro diritti ma lasciarli ‘scagazzare’ ovunque non mi pare il caso.
    Anche inca questione di salute

    • Ogni volta che leggo articoli sugli animalisti mi fiondo per leggere i commenti come il tuo, per nulla banali, di uno spessore unico.

  4. I volontari animalisti vadano allora a pulire a gratis dove soggiornano i piccioni a stormi. E il santo protettore degli animali era per non fare ammalare quelli destinati alla alimentazione umana. Chi vi fa lezione di catechismo ecologico?

    • Non confonda, gli animalisti sono altra cosa. Questi al massimo qualche blitz notturno o qualche insulto

  5. Basta pulire le deiezioni e se gli animalisti sono sul pezzo non solo verbalmente che si rimbocchino le manichel o cacciano soldini per la pulizia..il bla bla bla rimane tale e inefficace. La responsabilità va dimostrata

Comments are closed.