MILANO –  “Non sono preoccupato più della Lombardia rispetto ad altre Regioni, qui bisogna correre affrontando le problematiche già avanzate. La Lombardia, per quello che ha passato nei mesi scorsi, è più vulnerabile rispetto ad altre regioni.  È fuori discussione che bisogna vaccinare e si può fare molto di più rispetto a quello che già stiamo facendo. Bisogna andare a Bruxelles e battere i pugni”.

Lo ha detto Guido Bertolaso, responsabile della campagna massiva di vaccinazioni anti-Covid della Lombardia e consulente del presidente della regione Lombardia, Attilio Fontana, durante la conferenza stampa dopo giunta.

La situazione in Lombardia, vaccinati tutti gli ospiti delle Rsd

Ammettendo l’esistenza di alcune criticità, Bertolaso ha aggiunto che “però sono anche tanti aspetti positivi, tanta gente che ringrazia. Nelle RSD, ad esempio, sono stati vaccinati tutti i disabili. Ieri tramite l’invio di un’equipe in elicottero è stato possibile vaccinare persone di Parzanica che, a causa di una frana non si possono spostare”.

Il caso specializzandi

Quello che ferisce Guido Bertolaso è però il comunicato stampa di diverse organizzazioni che sembrano “voler rappresentare i miei colleghi più giovani”.

“Si sono molto arrabbiati – ha spiegato – con me quando ho detto che esiste una norma che prevede che siano chiamati a vaccinare i loro concittadini. Stiamo tentando di fare di tutto per andare loro incontro. La legge dice che gli specializzandi sono chiamati a fare vaccinazioni. Non è facoltativo, è un obbligo. Per questo motivo scriverò al prefetto di Milano e gli  chiederò, per la seconda volta, l’elenco degli specializzandi. La prima volta ha risposto un solo rettore e già questo è preoccupante. Occorre definire e verificare se non vi sia stata omissione da parte di chi ci deve trasmettere questi elenchi e poi provvedere alle attività di competenza dei rappresentati dello Stato in questa Regione, anche in armonia con il comunicato della Corte Costituzionale che dice che il problema Covid è di profilassi internazionale e quindi è compito dello Stato intervenire e di coloro che hanno scelto di svolgere la professione più nobile del mondo. Gli specializzandi hanno scelto di fare medicina sposando un codice deontologico, ma non ci sta che i medici dicano che spacciare l’attività di vaccinazione come formazione è denigrante”.

“Se questi sono i giovani colleghi – ha concluso – che futuro potrà avere il nostro Paese? Vaccinare per un medico è la cosa più nobile che un medico possa fare. Ognuno dovrebbe chiedersi cosa può fare per il Paese al posto che ragionare al contrario. Il crollo dei ricoveri fra i vaccinati è la prova provata che solo vaccinando risolviamo questa emergenza”.

Al via le vaccinazioni agli insegnanti

Da settimana prossima, come annunciato ieri dalla vicepresidente Letizia Moratti, cominceranno le vaccinazioni per gli insegnanti “nessuno escluso”. “Alcuni stanno protestando – ha aggiunto Bertolaso – perché hanno problemi con il portale. Faccio però presente che gli elenchi degli insegnanti ce li avrebbe dovuti fornire il ministero della Pubblica istruzione. Purtroppo mancano una serie di scuole come le paritarie e gli asili nido”. Serve dunque anche la collaborazione dei Comuni sennò è difficile sapere con esattezza chi deve essere vaccinato. “Ci vuole dunque quella flessibilità che fino ad oggi è mancata”.

(in foto: da sinistra, Letizia Moratti, Attilio Fontana e Guido Bertolaso)

03032021

7 Commenti

  1. Regione lombardia a oggi 365000 vaccini in frigo. Piuttosto che lamentarsi che non arrivano vedete di usare velocemente quelli che già abbiamo. Bertolaso !!!!!!! (Notizia di Sky 24)

  2. Apprezzo lo sforzo di Bertolaso ma non mi piacciono quelli che “bisogna battere i pugni con Bruxelles”. I pugni vanno battuti con le aziende che hanno firmato contratti e poi non li rispettano. E se non c’era la Commissione Europea ognuno andava alla sperindio e non so se un paese debole e caotico come l’Italia avrebbe avuto da solo i vaccini ricevuti finora grazie agli accordi europei. Quello italiano sarà pronto per l’autunno!
    Quanto al vaccino Sputnik russo la Russia ha vaccino il 3,6% della sua popolazione; mi spiegate come mai con questi dati va a vendere all’estero il suo vaccino?

  3. ma basta balle che avete i vaccini e non li usate, vedi anziani docenti e personale vario delle scuole!
    il problema di produzione dei vaccini li ha ogni paese europeo e per produrli in casa servono minimo nove mesi.

  4. Meno male che è stato sostituito Bertolaso, mica ci siamo dimenticati dell’ ottimo lavoro dell’ Aquila

  5. I vaccini servono, ma anche in lombardia ci sono oltre il 30% dei vaccini disponibili nei frigoriferi, dobbiamo attrezzarci anche coi vaccinatori e gli spazi dove vaccinare

Comments are closed.