ORIGGIO – “La casa non è una scuola”, “No alla Dad”, “Dad=papà, Dad non è scuola, la scuola non è in presenza”, “la scuola in presenza è essenziale come il supermercato o l’ospedale” sono alcuni dei cartelli posizionati insieme ad alcuni zainetti e disegni degli alunni sul cancello della scuola elementare Manzoni.

A ritrovarsi sono stati alcuni genitori della scuola dell’infanzia e primaria di Origgio. Hanno esposto diversi cartelli alcuni anche fatti dai bimbi per far sentire il proprio no alla chiusura della scuola per effetto dell’ingresso della Lombardia prima nella zona arancione rinforzato poi,da domani nella zona rossa.

La richiesta è molto semplice e condivisa coi genitori di ogni parte d’Italia: un impegno affinchè i bimbi possano tornare al più presto sui banchi a svolgere la normale attività didattica in presenza.

(alcune foto che mostrano i cartelli e i zainetti affissi della famiglie origgesi contrarie al nuovo ricorso alla Dad)