SARONNO / VARESE – Una donna di ottantaquattro anni, con diverse patologie, residente nella provincia di Varese ha ricevuto, nella notte del 19 marzo, la convocazione per la vaccinazione anti covid-19 ad Antegnate, in provincia di Bergamo, alle 8 di mattina di lunedì 22 marzo. Nessuna possibilità di cambiare centro vaccinale, dicono dal numero verde predisposto da Regione Lombardia, che aggiunge, oltretutto, che nel caso in cui la donna non riuscisse a raggiungerlo la sua prenotazione sarebbe riprogrammata a data da destinarsi. Dura la reazione di Samuele Astuti, consigliere regionale e capodelegazione Pd in Commissione sanità, che tuona: “La situazione è inaccettabile, ricevo personalmente centinaia di segnalazioni del genere e chissà quante situazioni analoghe non vengono denunciate. Costringere una persona anziana, per di più pluripatologica, a raggiungere un centro vaccinale distante più di 100km la mattina presto è l’ennesima beffa che la macchina vaccinale messa in piedi dalla Giunta lombarda offre ai suoi cittadini”.

“Serve un cambio di rotta – continua Astuti – e serve in fretta. Più di un mese fa l’assessorato al Welfare aveva annunciato la dismissione del sistema di prenotazione di Aria Spa e l’adozione di quello di Poste italiane. Inizialmente il passaggio sarebbe dovuto avvenire a metà marzo, ora dicono a fine mese. La realtà è che Regione Lombardia, come abbiamo detto più volte, è abituata a fare annunci e promesse che poi vengono puntualmente smentite dalla realtà. Alla Giunta chiediamo come e quando verranno risolti i problemi legati alle prenotazioni vaccinali. E chiediamo ci vengano date tempistiche certe e non approssimative come invece ci ha abituati in questi mesi”. “Infine, – conclude il consigliere dem – nonostante il grande impegno e l’abnegazione di tutto il personale sanitario costretto a lavorare a ritmi serratissimi, è evidente che la provincia di Varese non è solo quella che ha inoculato il minor numero di dosi ma probabilmente è il territorio che ha la minor capacità vaccinale di tutta la Lombardia tant’è che i suoi cittadini sono costretti a raggiungere le altre province, talvolta distanti centinaia di chilometri, per potersi vaccinare. Serve maggiore attenzione nei confronti della provincia di Varese che, è bene ricordare, ha pagato un prezzo altissimo durante questa pandemia. Il Governo lo sforzo l’ha fatto, attivando l’Esercito italiano per predisporre il polo vaccinale alla Schiranna, ora la palla passa a Regione Lombardia che ha il dovere di fare la sua parte.”

20032021

7 Commenti

  1. Tranquilli ormai è prassi, il sistema di prenotazioni è allo sbando. Ne convocano a centinaia insieme, li convocano per errore, li mandano a 200 km… Ma soprattutto restiamo tra le ultimissime regioni a vaccinare gli anziani!

  2. questo è un esempio di come è governata la nostra regione. mandiamoli tutti a casa

  3. I sindaci avrebbero dovuto svegliarsi per tempo e programmare dei siti per le vaccinazioni per i propri cittadini anche accorpandosi.
    Avrebbero dovuto essere proattivi anziché lamentarsi ora dei disservizi.
    La cosa vale anche per Astuti. Anziché lamentarsi trovi alternative. Ora.
    Grazie.

  4. Ormai l’incapacità messa in campo è confermata da casi continui. Nel comasco centinaia di dosi pronte e non arriva nessuno a vaccinarsi perchè non hanno ricevuto l’appuntamento via sms. (siamo nelle cronaca della stampa nazionale nei TG)

  5. Mi sembra che il sindaco di Saronno il sito lo ha messo a disposizione circa un mese fa ma non è cambiato nulla in ogni caso la responsabilità è regionale Moratti e Bertolaso in prima fila

Comments are closed.