LIMBIATE – Ad un mese esatto dalla morte dell’ambasciatore in Congo, il limbiatese Luca Attanasio, sono state avviate le procedure per conferire la cittadinanza italiana alla moglie, Zakia Seddiki.

La vedova del diplomatico (nativo di Saronno) assassinato nel corso dell’attacco organizzato contro il convoglio delle Nazioni Unite nell’est del Paese, in cui sono morti anche il carabiniere Vittorio Iacovacci e l’autista Mustapha Milambo, è nata a Casablanca in Marocco nel 1984 e a lei il Consiglio dei Ministri dello scorso venerdì ha deciso di concedere la cittadinanza italiana per meriti speciali.

Zakia Seddiki ha sposato Luca Attanasio nel 2015 e ha condiviso con lui un vero e proprio progetto di vita umanitario, tanto che nel 2017 ha fondato la ong “Mama Sofia”, un’organizzazione che si dedica, tra le altre cose, anche agli oltre 13.800 bambine e bambini di strada, di cui la vedova Attanasio è presidente.

Questo il comunicato del Cdm: “La signora Seddiki ha contribuito con impegno umanitario e sociale esemplare alla realizzazione della politica italiana di cooperazione allo sviluppo a tutela dei diritti dei più deboli. Nel 2017 ha fondato un’associazione benefica di volontari italiani e internazionali che ha l’obiettivo di migliorare la vita a donne e bambini in difficoltà in Congo”.

(nella foto: un’immagine del funerale di Luca Attanasio a Limbiate)

22032021

2 Commenti

  1. Mi sembra il minimo, anzi pensavo che essendo moglie fosse automatico per lei e i figli

  2. ma uno straniero che sposa un italiano a già in autoatico la cittadinanza italiana ! o sbaglio??

Comments are closed.