SARONNO – Non ci saranno zone gialle fino al 30 aprile. In sostanza saranno confermate le misure oggi in vigore che prevedono solo zone arancioni e rosse. Questo l’aspetto principale emerso dalla conferenza stampa del premier Mario Draghi.

L’altra novità riguarda asili nidi, elementari e prima media che potranno aprire anche in zona rossa dopo Pasqua. Come ha spiegato il ministro della Sanità Roberto Speranza “Le misure ci hanno consentito di verificare i primissimi segnali di rallentamento del contagio. Oggi l’RT segna 0,8, la settimana passata 1,16 ed erano diverse settimane che cresceva. Il tasso di incidenza è sceso sotto i 250: c’è ancora una situazione delicata che va seguita con la massima attenzione ma possiamo consentirci in un quadro prudenziale una scelta di apertura della scuola”.

Per il resto, prevale fino a fine aprile la linea dura, con blocco degli spostamenti e chiusura di bar e ristoranti. “Sarebbe desiderabile aprire – ha detto Draghi – ma quest’anno di pandemia ci ha insegnato a leggere i dati e quali sono le situazioni di contagio e si agisce di conseguenza”. E ancora: “La scuola è un punto di contagio limitato solo in presenza di altre restrizioni. Ciò che è fonte di contagio è tutto ciò che avviene attorno alla scuola, quindi più si alza l’attività scolastica più aumentano le possibilità di contagio”

In attesa dell’ufficialità comunque pare scontato che Lombardia resterà quindi nella fascia di maggiori restrizioni fino a Pasqua con la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado, dei negozi relativi ai beni non primari e con il divieto di uscire dal comune di residenza salvo che nelle condizioni consentite.

(foto archivio)

3 Commenti

  1. @ “pare scontato che Lombardia resterà quindi nella fascia di maggiori restrizioni fino a Pasqua con la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado, dei negozi relativi ai beni non primari e con il divieto di uscire dal comune di residenza”

    Pare che Salvini abbia buttato la maglietta “IO APRO” e fatta stampare quella “IO CHIUDO”

  2. Hanno anche stancato.
    Si è visto quanto il continuo entrare e uscire dal lockdown sia servito.
    La presunta soluzione della chiusura totale sta facendo più danni del virus.

  3. Draghi replica a Salvini: “Chiusure sono pensabili o impensabili solo in base ai dati dei contagi. Le misure non sono campate per aria”

Comments are closed.