SARONNO – VARESE Riceviamo e pubblichiamo integralmente la nota dei sindacati dei pensionati di Spi – Cgil , Fnp – Cisl, – Uilp – Uil della provincia di Varese in merito all’incontro con Ats Insubria e Asst Settelaghi e ValleOlona sulla vaccinazione per gli ultraottantenni.

Mercoledì 31 marzo 2021 è avvenuto l’incontro in video conferenza richiesto dal sindacato dei pensionati all’ATS e ASST Settelaghi e Valle Olona, a fronte dei notevoli disagi e disservizi avuti dagli ultraottantenni per la campagna vaccinale dovuti in larga parte dal sistema di convocazione della piattaforma regionale Aria, considerato che ad oggi vi sono ancora persone in attesa di essere chiamate.

In particolare quelle persone che non sono in grado di spostarsi, anziani soli, o che non hanno i mezzi tecnologici per poter prenotare on – line, siamo inoltre preoccupati per l’approvigionamento dei vaccini che potrebbe dar luogo a discriminazioni tra lavoratori, familiari ed altri soggetti.

Nel corso dell’incontro, Ats ha comunicato che ad oggi grazie alla collaborazione con i medici di base che hanno aderito al 96% e con l’ausilio delle amministrazioni comunali si stanno vaccinando tutte le persone allettate al domicilio sia anziani che persone con altre gravi disabilità.
Sono stati incrociati i dati dei circa 12.000 ultraottantenni con i data base dei medici di base e delle ASST., su tutto il territorio dell’ATS (Varese – Como) e si conta di finire le vaccinazioni entro il 20 aprile.
A questi vanno aggiunti gli ospiti delle RSA 7758 persone pari al 92,35% attualmente già vaccinati .

Oltre 7700 ultraottantenni, hanno aderito con la piattaforma Aria, di cui 5000 sono stati richiamati inviando loro un sms con la data per la vaccinazione, altri 2700 saranno contattati dalle Asst per capire se sono autonomi o hanno parenti che possano accompagnarli.

Ats ha fatto inoltre presente che la fornitura dei vaccini è stata del 4% in proporzione alla popolazione mentre altre Ats hanno avuto il 9%.

Dal 2 aprile chiude la piattaforma Aria e sarà attiva la prenotazione con il portale di Poste Italiane, nei prossimi giorni saranno pubblicizzate le modalità da parte di regione Lombardia.

La campagna vaccinale dal 12 aprile proseguirà per le fasce d’età da 79 a 75 anni e dai 74 anni ai 70 anni con la previsione di concludersi entro fine aprile nei 4 Hub previsti in provincia di Varese con due turni giornalieri di 6 ore:
– Schiranna – Varese
– Malpensa – Valle Olona
e nei punti gestiti dalle cooperative dei Medici di Base di:
– Rancio Valcuvia
– Saronno

Ad oggi risulta quindi che il 78-80 % degli ultraottantenni della nostra provincia ha aderito alla campagna vaccinale (ai quali vanno aggiunti gli ospiti delle Rsa già vaccinati), come sindacato abbiamo ribadito che vi sono ancora delle situazioni di anziani soli che non hanno avuto la possibilità di prenotarsi occorre un ulteriore sforzo per non lasciare indietro nessuno.

Le Organizzazioni sindacali dei pensionati ritengono utile la disamina con Ats e Asst ed hanno chiesto ulteriori momenti di confronto anche con la Conferenza dei Sindaci d’ambito per monitorare l’andamento della campagna vaccinale.

Invitiamo tutti i cittadini, pensionati, iscritti a segnalarci eventuali disservizi o situazioni di particolare disagio che dovessero accadere telefonando o recandosi presso le sedi sindacali.

SPI – CGIL FNP – CISL UILP-UIL

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.