informazione redazionale

L’AMBULATORIO POST COVID nasce per rispondere alle sempre più numerose richieste di persone che hanno avuto casi di infezione da Coronavirus SARS-CoV-2 (nota come COVID-19) in famiglia e che non sanno bene come comportarsi quando la persona negativizzata fatica a riprendere autonomia nelle attività di vita quotidiana.

Nel percorso ambulatoriale di riabilitazione post-Covid si prevede una stretta collaborazione fra varie figure professionali, tra cui sicuramente pneumologo e fisioterapista, ma anche fisiatra, neurologo, nutrizionista, cardiologo, psicologo a seconda delle esigenze cliniche dei pazienti con l’intento di aiutarli a recuperare una buona qualità di vita nel minor tempo possibile.

COVID-19, infatti, oltre a ripercussioni a carico dell’apparato respiratorio può colpire anche altri organi o interi apparati (cuore, cervello, apparato muscolo-scheletrico, apparato gastro-intestinale, reni) e determinare lesioni e disturbi duraturi e debilitanti.

A chi è rivolta la riabilitazione post Covid-19?

Possono trarre vantaggio da un programma di riabilitazione tutti i pazienti negativizzati:

  • che hanno potuto curare l’infezione a casa ma che avvertono persistentemente forte astenia o stanchezza o respiro corto.
  • dimessi dopo numerosi giorni di ricovero in reparti di malattie infettive, pneumologia o medicina interna
  • reduci da un ricovero in terapia intensiva

 Quali possono essere i disturbi post Covid-19?

Le manifestazioni residue possono essere variabili:

  • ridotta funzione respiratoria da danno polmonare (fatica e affanno per attività minimali)
  • decondizionamento generale muscolare da disuso e da prolungato allettamento (debolezza o necessità di assistenza nelle attività di vita quotidiana come vestirsi, alimentarsi, camminare)
  • riduzione della massa muscolare e sarcopenia (perdita di peso patologica)
  • deficit della sfera cognitiva ed emotiva per il prolungato isolamento e la perdita delle relazioni con i familiari (difficoltà attentive, insicurezza, ansia, depressione)

Programma di riabilitazione personalizzato

Un piano di lavoro ambulatoriale e personalizzato gradualmente accompagna e rafforza la ripresa della persona attraverso diverse fasi:

  1. valutazione dello specialista pneumologo, per definire il livello di fragilità e le necessità funzionali che il malato ha in quel momento e che dipendono dagli organi prevalentemente colpiti dall’infezione e dalle complicanze intercorse
  2. sedute di riabilitazione respiratoria: esecuzione di semplici esercizi per il diaframma e per i muscoli intercostali con minimo sforzo, volti a ridurre la gravità dell’affanno respiratorio
  3. sedute di riabilitazione motoria: esercizi di ricondizionamento allo sforzo allo scopo di migliorare forza e resistenza muscolare e di gestire il dolore per un complessivo miglioramento fisico
  4. terapia educazionale per imparare a gestire in piena autonomia il recupero fisico e psichico e per aiutare a ritrovare confidenza con le attività di vita quotidiana
  5. supporto di altre figure professionali specialistiche, secondo i bisogni clinici del paziente.

Obiettivi della riabilitazione post Covid-19

Il primo passo da compiere per valutare il proprio stato di salute a seguito della malattia da Coronavirus è una visita con uno specialista pneumologo che stabilirà il programma di riabilitazione con i seguenti obiettivi:

  • ritrovare gradualmente l’autonomia funzionale, migliorando la dinamica respiratoria e garantendo una buona ossigenazione di tutti gli organi
  • ristabilire il corretto equilibrio fisico e ridurre la disabilità, contrastando il decondizionamento muscolo-scheletrico
  • velocizzare il recupero verso la normale vita quotidiana
  • ripristinare un’adeguata sfera cognitiva ed emotiva, migliorando complessivamente la qualità di vita

Équipe dell’Ambulatorio Post Covid: Dott. Davide Zarcone e Dott. Maurizio Rezzonico (Neurologia); Dott.ssa Chiara Colombo (Pneumologia); Dott. Enzo Brusini (Fisiatria); Dott.ssa Valentina Cittadino e Dott. Gianluca Palermo (Psicologia); Dott.ssa Mariangela Alberio (Cardiologia); Dott. Fernando Spanò (Dietologia); Dott. Roberto Tavella e Dott. Daniele Colombo (Fisioterapia).

 

 

1 commento

Comments are closed.