SARONNO – L’Asst Valle Olona che gestisce gli ospedali di Busto Arsizio, Gallarate e Saronno ha reso noti i dati dei pazienti colpiti da covid.

A oggi, 19 aprile, sono ricoverati negli ospedali Asst Valle Olona 211 pazienti Covid-19 così suddivisi:
a Busto Arsizio: 91 nei reparti Covid, di cui 14 con casco Cpap e 8 in Terapia intensiva; 3 in osservazione al Pronto soccorso.
a Saronno: 65 nei reparti Covid, di cui 7 con casco Cpap; 1 in osservazione al Pronto soccorso.
a Gallarate: 55 nei reparti Covid, di cui 13 con casco Cpap; 5 in osservazione al Pronto soccorso.

Settimana scorso la situazione al presidio di Saronno vedeva 75 nei reparti Covid, 9 con casco Cpap; nessun paziente in osservazione al Pronto soccorso.

“Continua la costante discesa della presentazione di pazienti affetti da Covid nei PS dei nostri ospedali. Ci auguriamo che il senso di responsabilità e l’adozione di stili di comportamento adeguati (lavaggio delle mani, distanziamento sociale, uso di mascherine, ventilazione ambienti) siano di riferimento per ciascuno di noi così da poter assicurare una effettiva tenuta sotto controllo della situazione epidemica” afferma il direttore sanitario Paola Giuliani.

Vuoi restare aggiornato sui dati della pandemia, sui divieti e sulle novità? Iscriviti al canale Telegram ilSaronno covid https://t.me/ilsaronnocovid

Dall’inizio della pandemia abbiamo sempre diffuso i dati relativi al contagio forniti dalle fonti ufficiale.
La Regione Lombardia diffonde quotidianamente un bollettino coi i dati relativi ai nuovi positivi emersi dall’elaborazione dei tamponi. Vengono conteggiati esclusivamente coloro che risultano positivi per la prima volta. Riportiamo il totale da inizio pandemia e la variazione giornaliera.

Altri dati vengono forniti dai sindaci che hanno a disposizione i dati forniti dall’Ats nel cruscotto a loro dedicato.
In questo caso oltre ai positivi ci sono anche i decessi, i guariti e in alcuni casi la fascia d’età.

Per informazioni generali sul Covid chiamare il numero 1500, numero di pubblica utilità attivato dal Ministero della Salute o telefonare al proprio medico di medicina generale o al medico pediatra.