SARONNESE – Alle porte del Saronnese, massaggi “sessuali” a pagamento: i carabinieri hanno denunciato a piede libero un cinese di 47 anni, responsabile di un centro massaggi situato a Garbagnate Milanese. L’accusa è di favoreggiamento della prostituzione.

In base agli accertamenti che sono stati compiuti nelle ultime settimane da parte dei militari dell’Arma, nel centro “benessere” lavorava una donna di 45 anni, anche lei originaria della Cina, che sulla carta avrebbe dovuto svolgere la mansione di massaggiatrice (anche se non risulta avesse al riguardo alcuna qualifica professionale, almeno valida per l’Italia) e che in realtà si sarebbe prostituita con i clienti. Negli ultimi tempi il locale di massaggi cinesi è per la seconda volta all’attenzione delle cronache: in precedenza le autorità ne avevano disposto la chiusura per cinque giorni, a causa della violazione delle norme contro la diffusione del coronavirus disposte nell’ambito della pandemia.

(foto archivio: una pattuglia dei carabinieri in servizio nella zona)

20042021