SOLARO – “Ci tengo molto ad informarvi che ieri mattina, insieme al comandante e vicecomandante della nostra polizia locale, ho partecipato a un tavolo di lavoro per la presentazione di un progetto di contrasto allo spaccio di stupefacenti nei nostri territori”.

Sono le parole del sindaco di Solaro Nilde Moretti che con una breve nota fa il punto sul suo impegno sul fronte della sicurezza.

Tavolo importantissimo, coordinato e promosso dalla prefettura di Milano, a cui hanno partecipato moltissime parti: Sindaci, Regione, Città Metropolitana, Ats, Croce Rossa, Trenord, Parco Groane e forze dell’ordine, tanto per citarne alcuni.
Il progetto si ispira a quello già adottato a Rogoredo, che ha dato buoni risultati e ha permesso di far regredire il problema spaccio in un ambito in cui erano stati raggiunti livelli molto gravi. Chiaramente il tutto dovrà essere rimodulato per adattarsi al nostro territorio, molto diverso nella sostanza (più ampio e ricco di vegetazione).
Non si lavorerà solo sull’abbattimento dell’offerta, ma anche sull’affiancamento e recupero dei tossicodipendenti grazie alle forze dell’ordine, Ats e Croce Rossa.
Importantissimo sarà interrogarsi sulla domanda e sviluppare un lavoro di prevenzione che parta dalle nostre scuole.
Quest’ultimo aspetto trovo sia fondamentale: prevenzione e informazione, partendo proprio dai più giovani.
Tante parti in causa, tanti attori tutti attorno a un tavolo per agire tutti insieme, in modo coordinato e coeso, contro lo spaccio di stupefacenti, per risolvere o quantomeno attenuare il più possibile questa piaga sociale”

9 Commenti

  1. Bravi, così si fa. Magari vedessimo qualcosa di simile anche a Saronno ?
    Airoldi che fa ? Dorme ? Presidia il centro vaccinale dove tanto non serve ?

    • Quando si è insediata ha dichiarato che non c’era un problema droga.
      🤣🤣🤣🤣

      • Anche a Ceriano è stato utilizzato lo stesso modello e dopo 10 anni di selfie , finalmente si è ridotto lo spaccio , chi pensa di esserne stato l’artefice solitario vi prende in giro , ragioni con i fatti veri , si faccia un giro e troverà ancora degli spacciatori molti di meno ma li trova .

  2. Si continua ad affrontare il problema soprattutto dalla coda, lo spaccio, e solo marginalmente dalla testa il consumo.

Comments are closed.