SARONNO – Tanta emozione e un ringraziamento in perfetto stile Leanza con un pensiero per la produzione, per la sua squadra e per la sua famiglia ed le famiglie che hanno reso possibile il lavoro che è valso il premio.

Questi i ringraziamenti del saronnese Andrea Leanza che ha vinto il David di Donatello. Il saronnese era candidato nella categoria miglior truccatore con Hammamet, film di Gianni Amelio che ha ottenuto 14 candidature. Con lui Luigi Ciminelli e Federica Castelli che hanno curato la trasformazione di Pierfrancesco Favino in Bettino Craxi

Elegantissimo con il suo ciuffo verde ha ricevuto il premio con un maxi sorriso e un breve discorso con tanti ringraziamenti.

Era già stato in lizza insieme ai colleghi Roberto Pastore, Valentina Visintin e Lorenzo Tamburin per il David 2020 per il trucco de “Il primo re”.

COME FUNZIONA IL RICONOSCIMENTO DEL CINEMA ITALIANO
La Giuria dell’Accademia del Cinema Italiano – Premi David di Donatello assegna 22 riconoscimenti ai film usciti in Italia dal 1° gennaio 2020 al 28 febbraio 2021, nelle sale cinematografiche. Eccezionalmente per il 2020 e fino al 28 febbraio 2021, si ritengono eleggibili anche i film italiani che siano stati distribuiti con modalità alternative alla sala.
Sono 20 i Premi David per il cinema italiano: film, regia, regista esordiente, sceneggiatura originale, sceneggiatura non originale, produttore, attrice protagonista, attore protagonista, attrice non protagonista, attore non protagonista, autore della fotografia, compositore, canzone originale, scenografia, costumista, truccatore, acconciatore, montatore, suono, effetti visivi VFX.