GERENZANO – Periodico intervento di pulizie nell’area naturalistica alle porte del paese, il fontanile di San Giacomo. Sabato sono entrati in azione anche i sommozzatori, ed è stata ben ripulita anche la vasca del fontanile. “Ringraziamo i volontari della Pro loco Gerenzano, Club subacqueo Atlantide e tutti i volontari che poche ore fa hanno provveduto alla pulizia del fontanile di San Giacomo e dell’area circostante” riepilogano dal Comune.

Il fontanile fa parte del Parco sovracomunale dei mughetti, dall’ente parco l’area di San Giacomo viene descritta in questo modo:

La localizzazione di questa risorgiva è particolare, poiché si trova più a nord rispetto alla “linea dei fontanili” della pianura lombarda, dove questo fenomeno è più frequente: qui infatti la risalita dell’acqua è dovuta in parte alla geologia del sottosuolo e in parte all’azione antropica per l’estrazione dell’argilla. Il fontanile è essenzialmente un ecosistema artificiale, che sfrutta la presenza della falda in prossimità del piano di campagna, ne intercetta le acque mediante una escavazione (testa del fontanile) e le trasporta a valle mediante canali. Tale ecosistema può esistere solo se mantenuto dall’uomo in quanto naturalmente tenderebbe a ritornare palude o bosco. Per tale motivo il fontanile per mantenere le sue caratteristiche di efficiente sistema drenante deve essere curato con particolare attenzione. L’uomo ha saputo sfruttare l’acqua del Fontanile di San Giacomo per la coltivazione a marcita: questa tecnica, che prevede l’allagamento dei campi, fu introdotta nel medioevo dall’opera di alcuni ordini monastici.

(foto: un momento dell’intervento di pulizia che è stato eseguito in questo fine settimana, nella giornata di sabato)

13062021