SARONNO – La scuola media Orsoline di Saronno e Casa di Marta continuano la loro collaborazione anche a distanza. Martedì 8 giugno, in occasione dell’ultimo giorno di scuola, una rappresentanza di Casa di Marta ha premiato gli alunni delle classi prime Smo che si sono impegnate a realizzare un dono per le famiglie che hanno la possibilità della spesa presso l’Emporio della solidarietà in Casa di Marta.

Attraverso delle lezioni on-line i volontari della Casa hanno raccontato agli alunni della Smo la loro esperienza e le tante realtà che Casa di Marta sostiene quotidianamente.

“Vi siete mai chiesti cos’è la carità? Cosa si può realmente fare per le persone in difficoltà?” scrive Susanna alunna della Smo che ha vissuto coi compagni il progetto Agorà, una proposta in continuità con l’insegnamento di religione cattolica che fa vivere agli alunni delle Orsoline un impegno concreto di solidarietà da vivere insieme.

“Si può fare tanto e a Saronno ci sono molte persone che si impegnano per chi ha bisogno. C’è un luogo speciale in cui tutti vengono accolti e aiutati. E’ Casa di Marta!” continua Susanna “E sapete chi si occupa di tutto questo? I volontari, persone che si impegnano solo per migliorare la vita dei bisognosi e ci mettono il cuore. Dopo aver sentito tutto ciò ed avere inondato di domande la volontaria Francesca, abbiamo capito che anche noi dovevamo fare qualcosa. Abbiamo scelto di donare delle borse personalizzate. Ognuno ha decorato la propria seguendo il motto della nostra Agorà: “Un grande cuore non è mai solo!”.

“Grazie a questo gesto concreto – conclude Susanna – ci siamo resi conto di poter fare la differenza. Noi come tutti! Infatti a Casa di Marta ci sono tante iniziative tra cui il carrello della solidarietà #IODONO, l’armadio solidale ed altre alle quali tutti noi possiamo contribuire. Perché la nostra vita è migliore se aiutiamo gli altri. Se tutti collaborassimo dandoci supporto nelle difficoltà non sarebbe molto meglio? Noi alunni della Smo pensiamo di si! Allora impegniamoci insieme per farlo accadere”.
Giulia Gritti

14062021

1 commento

Comments are closed.