Home Città Progetto Matteotti, Luca Davide: “Cittadini come attori attivi che fanno vivere con...

Progetto Matteotti, Luca Davide: “Cittadini come attori attivi che fanno vivere con gioia gli spazi”

384
10
SARONNO – “Sabato mattina con il consigliere Puzziferri eravamo al quartiere Matteotti per pulire, imbiancare e volantinare insieme ai volontari del comitato Fenice che, con il progetto di urbanismo tattico, vuole far rinascere questo quartiere”
Inizia così la nota del consigliere comunale Luca Davide in merito alle attività in corso al quartiere Matteotti.
“La nostra idea di città è proprio questa, una città in cui chi vive il quartiere può contribuire a renderlo bello e vissuto, così da prendersi cura dei propri spazi. Siamo orgogliosi che, dopo la prima mano dei volontari, le panchine in cemento verranno dipinte dai ragazzi del campus organizzato dall’InformaGiovani di Saronno che ho incontrato insieme alla consigliera Nourhan Moustafa e all’artista Patrizia Mangano che coordinerà i lavori, così che anche i ragazzi, che spesso vengono visti erroneamente come quelli “capaci solo” di distruggere e sporcare possano rendere bella la nostra città colorandola e curandola.
Per questo grande progetto ci avvalliamo dell’utilizzo del format “i martedì delle letture” un’iniziativa coinvolgente, collaudata e giunta al suo sesto anno di attività.
Un format nato durante gli incontri con i cittadini, le associazioni e i politici di tutti gli orientamenti e nella direzione della reciproca volontà collaborativa espressa nella Lettera ufficiale dell’Amministrazione nel 2013 finalizzata a generare scambi e iniziative culturali (lettera mai scaduta nè revocata successivamente). I cittadini porteranno il format patrocinato dall’ambasciatore Gian Paolo Terrone all’interno del quartiere e gli abitanti del Matteotti saranno invitati a prenderne esempio e continuare autonomamente questo percorso di letture di testi e di immagini in totale autonomia e libertà d’esposizione.
Per questo motivo siamo onorati di avere con noi per tre martedì di fila (15/6 22/6 e 29/6), il format “I martedì delle letture” che, secondo noi di Obiettivo Saronno, è la chiara rappresentazione di quella che è la nostra città ideale.
I martedì delle letture infatti portano i cittadini all’interno dei quartieri in quei luoghi dismessi e abbandonati per permettere alla città di rivivere, per allontanare le insicurezze che le aree degradate e abbandonate portano e con quale miglior metodo della cultura, l’arte e la lettura? I lettori possono infatti leggere ciò che vogliono senza censura, con l’unico limite di non leggere testi registrati in Siae, così che si condivida insieme ogni pensiero in libertà; questo è anche un ottimo metodo per scoprire artisti saronnesi.
La nostra idea della città e della sua sicurezza non è basata sulla repressione bensì sulla vita e sull’idea dei cittadini come attori attivi che fanno vivere con gioia gli spazi che abitano, così da prendersene cura (che non per niente alcuni etimologisti riconducono a cuore, poichè stimola il cuore e lo consuma).
Facciamo vivere insieme il Matteotti che è il quartiere più popoloso e soprattutto con una forza popolare e associativa che non ha eguali a Saronno e merita di tornare a essere parte integrante della città senza essere trattato come una periferia lontana.

10 Commenti

  1. Siete abilitati ad effettuare questi lavori? Sono certificati? Se qualcuno si fa male chi ne risponde?

  2. il problema del Matteotti non sono i muri da imbiancare. Iniziate a fare pulizia di spacciatori vari che “lavorano” alla luce del sole. Li vedono tutti persino i bambini e tutti sanno chi sono tranne chi dovrebbe intervenire. Con la nave che affonda si pensa a lucidare le maniglie delle porte. Iniziate dalle cose fondamentali non le cretinerie.

    • Sembra tanto un commento di parte di chi non conosce il quartiere.. io ci abito e spacciatori alla luce del sole non ne ho mai visti.. trovo invece che abbellire il quartiere sia un’ottima iniziativa che allontana il degrado, certo col tempo serviranno anche interventi strutturali per recuperare le tante aree dismesse

  3. La buona volontà va apprezzata e sostenuta, stimolando le iniziative lecite e utili per rivitalizzare la vita comunitaria dei quartieri cittadini; attività condivise che vengono proposte dai diversi giovani intraprendenti che non necessariamente necessitano di essere accorpati in un’identità circoscritta da un ristretto cappello politico ma da un’intera Amministrazione Comunale seria e lungimirante seguendo il proprio programma. La legittimità di ogni azione finalizzata al bene comune si sprigiona con il senso di appartenenza al quartiere e alla città.

  4. E’ da una vita che finite le scuole Informagiovani organizza Campus Ecologici (e non) e sistemano parti di spazi pubblici e aree verdi (anche mio figlio ha partecipato svariate volte) .
    Vi volete intestare anche questa iniziativa consolidata?
    Cercate piuttosto di non tinteggiare le panchine con i soliti …disegni … già il resto della città ne è pieno!
    Bianche sono l’ottimale in estate, rimangono belle fresche !

    • Caro amico/a, questo è il modus operandi di Obiettivo Saronno: fare il minimo e far risuonare la cosa nell’eco dei social! Ne andrebbe chiesto il conto al 13% che li ha votati. Illusi

  5. “Anonimo 16/06/2021 At 1:16 pm
    Siete abilitati ad effettuare questi lavori? Sono certificati? Se qualcuno si fa male chi ne risponde?”
    Caro Anonimo vai dall’avvocato….se no meglio non fare niente per niente rischiare. Dai nostri commenti è evidente che siamo la condanna di noi stessi all’immobilismo perpetuo….

  6. Leggere libri in una fabbrica abbandonata nel quartiere Matteotti? Ho capito bene? Cosa sono i “testi non registrati in SIAE”?

Comments are closed.