TRADATE / COMASCO – E‘ stato condannato a 15 anni di reclusione un marocchino di 24 anni: era stato arrestato dai carabinieri come responsabili dell’omicidio di un connazionale di 25 anni, Noureddine Elazyz, che fu ucciso con un colpo di pistola nell’area di Pianbosco fra Tradate ed il vicino comasco, il 16 marzo del 2018. All’origine di tutto, a quanto pare, il controllo di quella zona di spaccio di sostanze stupefacenti.

Il processo si è concluso in questi giorni in tribunale a Varese: il corpo del nordafricano fu quindi trasportato in auto alla periferia di Locate Varesino, dove fu trovato il giorno dopo da passanti. Nei riguardi dell’imputato, la pubblica accusa aveva chiesto vent’anni di carcere.

Quella dello spaccio nei boschi della zona è una piaga che si trascina ormai da diversi anni, malgrado il grande impegno delle forze dell’ordine con periodiche operazioni di controllo, denunce ed arresti.

(foto: una “battuta” nei boschi della zona da parte dei carabinieri della Compagnia di Saronno)

22072021

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.