SARONNO – “Il tuo medico, il tuo vaccino, il tuo futuro”: questo lo slogan con cui Medici Insubria ha attivato una macchina organizzativa senza precedenti per fare la storia alla lotta al covid 19, lotta supportata pienamente dal Comune di Saronno: il futuro
è oggi e dall’inaugurazione del 10 aprile sono circa 150 giorni di hub vaccinale.

“L’hub “Città di Saronno” di via Parini è la prova che la Medicina Generale organizzata e strutturata in squadra con le istituzioni locali può raggiungere obiettivi sfidanti anche in un contesto pandemico” si legge in un comunicato del Comune. Gli hub di Medici Insubria sono unici, proprio perché il punto focale e vincente sono gli Mmg organizzati in cooperativa. La gestione
di Medici Insubria ha fatto in modo che tutti gli attori venissero valorizzati e coinvolti, l’obbiettivo è stato raggiunto: un servizio
territoriale efficace ed efficiente grazie al lavoro di medici, infermieri, personale amministrativo, volontari, tecnici del Comune, polizia municipale e Giunta comunale.

Tutti i numeri dell’hub – Si celebrano dunque i 150 giorni dell’Hub, che grazie al contributo del Comune di Saronno, Medici Insubria e tutte le professionalità coinvolte, ha trasformato uno slogan in realtà: tornare alla vita. 150 giorni di hub vaccinale “Città di Saronno” ovvero: 67.800 vaccinazioni eseguite; 36.500 persone vaccinate con ciclo vaccinale completo; 60 medici di Medicina generale coinvolti; 17 Medici Volontari; 19 infermiere dell’ospedale di Saronno; 13 amministrativi coinvolti, 200 Volontari delle varie associazioni, polizia municipale per ordine pubblico e ritiro vaccini; 5200 ore di personale amministrativo; 1300 ore di personale infermieristico; 5200 ore di personale medico; 8400 ore di personale volontario.

Il 62% della popolazione vaccinata all’hub di Saronno proviene da Ats Insubria, il 24% da Ats “Città Metropolitana” e il 13% da Ats
Brianza. I dati hanno evidenziano oltre ad una organizzazione e gestione minuziosa il ruolo strategico del Comune di Saronno. Con questi presupposti, Medici Insubria e la Città di Saronno sono già pronti per garantire al territorio tutto ciò che sarà necessario per l’eventuale terza dose vaccinale.

Al Galà dei 150 giorni saranno presenti, domani alle 17.45, i rappresentanti di tutti i protagonisti della sfida vaccinale quali: Medici, infermieri, amministrativi, volontari, associazioni.

Interverranno:

– Letizia Moratti, vice presidente e assessore al Welfare di Regione Lombardia.

– Guido Bertolaso, coordinatore della Campagna vaccinale anti-covid Lombardia,

– Emanuele Monti, presidente III Commissione permanente Sanità e politiche sociali.

– Lucas Maria Gutierrez, direttore generale Ats Insubria.

– Augusto Airoldi, sindaco di Saronno.

– Emanuele Monti, responsabile del centro vaccinale.

– Gianni Martino Clerici, presidente del consiglio di amministrazione Medici Insubria s.c. Presenti anche le più alte cariche istituzionali tra cui il senatore Alessandro Alfieri, l’onorevole Gianfranco Librandi ed il consigliere regionale Samuele Astuti.

Per le norme anti-covid in vigore, l’ingresso all’appuntamento sarà consentito solo a giornalisti ed invitati.

(foto archivio: la vicepresidente di Regione Lombardia, Letizia Moratti, con Guido Bertolaso)

08092021

6 Commenti

  1. Una visita , visto che sono a Saronno, al nostro ospedale non guasterebbe Airoldi sveglia non c’è solo il centro vicinale nella tua città

  2. Il ringraziamento dei Saronnesi va sicuramente al personale sanitario e alla protezione civile e un po’ meno ai “papaveri” che festeggeranno domani l’apertura del centro vaccinale che comunque è stato chiuso per diversi giorni nello scorso mese e non è mai stato funzionante la domenica.
    Come è già stato riportato nei precedenti commenti, aspettiamo che vengano a festeggiare la ripresa del nostro utilissimo ospedale.

  3. Dunque il Genarale Figliolo fa il lavoro e loro vanno in passerella? Pensano che i Lombardi abbiamo dimenticato la gestione fallimentare dell’emergenza da parte della giunta regionale?

  4. Peccato che il Sindaco li abbia legittimati, io avrei posto delle domande ben precise, ma d’altronde dopo aver visto come è stato duro sul piano regolatore ( sic) non mi aspettavo di meglio

Comments are closed.