SARONNO – “C’è un dato che ha rilevato l’Ats Insubria di cui al momento non si sanno le cause ma che certo non può che preoccupare. Le città di Saronno e di Caronno hanno un dato di vaccinati, nella fascia gli 11 e i 19 anni che è del 10% inferiore della media provinciale”.

Sono le parole del sindaco Augusto Airoldi che facendo il punto sulla situazione Covid. Per la verità il quadro generale è piuttosto positivo: “Al momento i positivi sono 34 un dato decisamente contenuto e in linea con il resto della provincia e del comprensorio. Le nostre Rsa (Focris, Sant’Agnese e Gianetti) sono al momento Covid free e sono già pronte in attesa della terza dose. Nessun contagio, ad sabato 25 settembre, nelle scuole”.

Il sindaco rende noto un dato decisamente fuori media: a Saronno e nella vicina Caronno Pertusella i ragazzi tra gli 11 e i 19 anni vaccinati sono percentualmente molti meno che nel resto della provincia.

“Al momento non si è trovata la motivazione o una spiegazione ma certo si tratta di un dato da monitorare”. Non a caso il primo cittadino rinnova l’appello alla vaccinazione ricordando che l’hub vaccinale allestito all’ex scuola Pizzigoni in via Parini è a disposizione dei più giovani: “Proprio alla loro fascia d’età è garantita la possibilità di presentarsi all’hub vaccinale senza la necessità di una prenotazione”.

Al di là di questo dato l’attività della struttura gestita da Medici Insubria prosegue a pieno regime: “Da quando è stata confermata la necessità del Green Pass per tutti i lavoratori – spiega Airoldi – le vaccinazioni giornaliere all’hub sono passate da 200 a 700. Inoltre negli ultimi giorni sono già iniziate le terze dosi per tutti gli immunodepressi”.

12 Commenti

  1. Bene anche se per ottenere questo risultato si è dovuto introdurre il Green pass, sostenuto tra l’altro da tutti i governatori di regione… Un po meno da qualche leader politico

    • Basta cavalcare l’onda che poi arriva l’ondata, questa volta non sarà così di sicuro.
      I politici dicono cose, i governatori sono anche politici.

      basta che all’interno dello stesso partito uno dica una cosa e l’altro dica l’opposto per essere coperti.

  2. Il buongiorno si vede dal mattino…..
    Purtroppo I ragazzi di 11 anni seguono, come dimostrano i dati, le azione degli anziani 159-199 anni. Sono certamente informati correttamente sulla necessità del vaccino ma alcuni sono titubanti. Purtroppo queste fasce d’età sono tra le più colpite da questo virus infido e invisibile. Rivolgo a lei sindaco un appello, affinché lei faccia tutti gli sforzi comunicativi possibili, così da vaccinare tutti i saronnesi all’hub di saronno delle fasce sopra indicate, così da essere non solo nella provincia di Varese ma nell’intero mondo occidentale, i più vaccinati nella fasce 11 anni e 159-199 anni. Forza sindaco, può farcela, ci creda, può farcela.

  3. Bene? Mi spiace per i provax ma il siero sperimentale genico non immunizza totalmemte ma causerà le varianti, è un dato scientifico. E non si sanno gli effetti a lungo termine perché per un vaccino normale ci vogliono dieci anni di test Contenti voi di buttarla in polemica contro salvini

    • Ma che scienza applica? Quella dei terrappiattisti o quella fai da te stile io pulisco le scale ma so tutto di medicina? Le varianti sono in giro da prima dei vaccini

  4. Una volta tanto dico anch’io bravo Fontana che ha preso le distanze da Meloni e Salvini, ha avuto coraggio a fare la scelta giusta

    • Quale sarebbe la scelta giusta?? In Svizzera c è libertà in Italia la dittatura. Tutti pecoroni dietro il gregge… Usate la testa.

      • Allora vorresti in un mondo senza vaccini con la TBC e la poliomelite e tante altre cosucce che se te le becchi rimani rovinato per tutta la vita?

  5. Il dato dei ragazzi tra gli 11 e i 19 anni andrebbe letto insieme al dato che al 25 settembre non ci sono contagi nelle scuole.
    Quella parte dei ragazzi che frequenta la scuola non si contagia, probabilmente perché sono vaccinati e magari il 19% dei vaccinati in meno sono quelli che non vanno a scuola oppure non si contagiano a prescindere.

  6. “le vaccinazioni giornaliere all’hub sono passate da 200 a 700. Inoltre negli ultimi giorni sono già iniziate le terze dosi per tutti gli immunodepressi”

    da 200 a 700 compresi gli immunodepressi?
    Giusto per capire, quanti sono immunodepressi?

  7. Si, ma gli imunidepressi hanno spesso indicazione di fare vaccino Moderna… Che all’hub di Saronno non è presente.
    Andrebbe quanto meno segnalato al momento della prenotazione altrimenti finisce che l’immunodepresso si prenota a Saronno, fa la fila in mezzo a tutti… E poi non c’è il vaccino e deve correre altrove.

Comments are closed.