Se c’è un aspetto che contribuisce a rendere più solido il rapporto di coppia, è quasi certamente la cura di sé.

Porre l’accento su tutti quegli aspetti che contribuiscono ad alimentare il benessere psicofisico è il modo migliore per dare il meglio anche agli altri, limitando tutti quegli atteggiamenti nocivi che nel tempo possono minare la solidità dei rapporti.

In poche parole, per mantenere ben saldo il legame affettivo con il partner è estremamente importante dare voce al proprio mondo interiore, lasciando spazio a quelle piccole cose che, se alimentate giorno dopo giorno, possono davvero fare la differenza.

Coppia: l’importanza di sentirsi bene per stare bene con gli altri

Capita non di rado che piccoli o grandi difetti fisici, così come la scarsa autostima, finiscano per compromettere il modo in cui viene percepita la propria immagine nello specchio: una visione distorta, figlia di un patrimonio emotivo non metabolizzato, che si traduce in un senso di rifiuto verso il proprio corpo e verso il partner.

Tuttavia, il solo modo per piacere agli altri è imparare a piacere a se stessi, abbandonando tutte quelle convinzioni disfunzionali che impediscono di amarsi per ciò che si è. Fondamentale è volersi bene e avere un atteggiamento più positivo, praticando l’autostima anche nella riscoperta della propria fisicità.

Scoprire se stessi per aprirsi al partner

Per vivere bene il rapporto di coppia, bisogna imparare ad affrontare più serenamente tutti quegli aspetti relativi alla sfera intima.

Aprirsi all’altro è il modo migliore per instaurare un rapporto fatto di passione e complicità, ma per alimentare il benessere sessuale talvolta può essere utile adoperare anche elementi che aiutano a lasciarsi andare.

Un valido aiuto, in questo caso, arriva soprattutto dai prodotti lubrificanti, che possono essere adoperati non solo nel rapporto, ma anche per giocare, per scoprirsi e per effettuare piacevoli massaggi anti-stress. Tra i gel lubrificanti più adatti allo scopo c’è quello di Yspot, con una formulazione estremamente delicata e naturale che li rende adatti all’utilizzo quotidiano.

Lavorare sul corpo per il benessere della mente

Parallelamente alla sfera intima, per conseguire un perfetto equilibrio psicofisico, è importante lavorare sul proprio corpo: praticare sport regolarmente è la strada più semplice per ritrovare il controllo e sentirsi bene con se stessi e in coppia, non solo perché aiuta a donare al corpo un assetto più armonico, ma anche perché contribuisce a migliorare l’umore, riducendo ansia e depressione.

Tra i numerosi effetti positivi di un’attività fisica praticata in modo regolare, c’è anche un aumento dell’autostima e della consapevolezza di sé, che si riflettono inevitabilmente anche nei rapporti con il partner. Ad avere un ruolo molto importante, però, è anche lo stile di vita, poiché per stare bene e vivere in modo soddisfacente è importante imparare ad eliminare tutte le cattive abitudini.

Ridurre l’insoddisfazione praticando il dialogo di coppia

Un ulteriore aspetto molto importante al conseguimento di un perfetto legame di coppia, soprattutto per quanto riguarda il lato psicofisico, è quello relativo alla propria individualità.

Molto spesso, quando si instaura un legame affettivo, alcuni aspetti della propria vita vengono messi in secondo piano, alcune volte nell’immediato, diverse volte con il sopraggiungere degli impegni familiari, ma in ogni caso generando frustrazione e insoddisfazione. Infatti, soffocare i propri interessi o mettere da parte il proprio io alimenta un disagio psicofisico che, nel tempo, può allungare la sua ombra anche sulla coppia.

Per stare bene ed evitare che l’insoddisfazione faccia capolinea nel rapporto a due, è importante mettere in atto un costante esercizio di comprensione reciproca che aiuti ad aprirsi con se stessi, ma soprattutto con il proprio partner.

In questo caso, è importante analizzarsi nel profondo per trovare il modo giusto di comunicare: guardarsi dentro è il modo migliore per comprendere le proprie necessità emotive e instaurare un dialogo costruttivo per esprimerle; tale dialogo, tuttavia, non deve intendersi a senso unico, ma deve essere fatto di ascolto e comprensione, per imparare ad accogliere i bisogni dell’altro.