SARONNO – “La carenza di personale medico nei servizi di Anestesia e Rianimazione non è più un problema limitato all’ospedale di Saronno ma investe pesantemente anche il nosocomio di Busto Arsizio: questa gravissima situazione interessa quindi tutta l’Azienda Socio Sanitaria Valle Olona, coinvolgendo inevitabilmente anche Gallarate e Somma Lombardo. La mancanza di anestesisti rianimatori si ripercuote pericolosamente su tutte le attività di un ospedale, siano esse di emergenza ed urgenza o chirurgiche.  In altre parole, la struttura diventa un poliambulatorio o poco più

Inizia così la nota del Comitato per la salvaguardia e la tutela dell’ospedale di Saronno.

“Il problema chiama perciò la politica ad una risposta non più rimandabile oltre: quali decisioni intende prendere la Regione di fronte a questa situazione? A ben poco servirebbero i differenti accorpamenti aziendali che sembra vengano ipotizzati se, come temiamo, il fuggi fuggi dei professionisti si aggraverà.             

Per questo non possiamo che augurarci che quanto recentemente detto dall’assessore Letizia Moratti a favore del nostro ospedale si traduca in decisioni e scelte rapide: le 200.000 persone del comprensorio interprovinciale saronnese, da sempre abituali utenti del nostro ospedale, meritano una risposta sollecita ed esaustiva ai loro bisogni di salute, al pari dei cittadini del bustese e del gallaratese”.

11112021

8 Commenti

  1. Ma no, voi del comitato state sbagliando a creare allarmismi: l’ospedale è salvo! La Cicerone ha parlato e Obiettivo Saronno ha consegnato le firme in regione: è salvo! Adesso non potete dire che l’ospedale è in pericolo, che le firme non sono servite soprattutto perché agli stessi professionisti non interessano. Basta sminuire tutto il lavoro di obiettivo Saronno! L’ospedale è salvo! Li ha detto la Cicerone!

    • Veramente chi sta uccidendo l’ospedale é chi governa la Lombardia da 30 anni, smettiamola di fare opera di distrazione di massa, ve ne accorgerete alle prossime elezioni regionali cosa succederà!!!

  2. Intanto in Regione Lombardia si discute della nuova riforma sanitaria lombarda e a breve verrà votata , lo scenario che si prospetta va ben oltre l’ospedale di Saronno e sarà devastante per tutta la sanità lombarda in aggiunta non si capisce quale ruolo debba avere il nostro ospedale all’interno di questa riforma

  3. Come intende rispondere la Regione alla carenza di anestesisti e rianimatori nell’intera Asst Valle Olona?”
    Assumendo extracomunitari dalle cooperative di lavoro

  4. Avete presente le 3 scimmiette? Qualche parola di circostanza, una manciiata do promesse e se va bene 4 soldi

  5. La risposta sta nella prevenzione e non nella cura dell’ospedale ed è per questo che la direzione credo sia sbagliata.
    A meno che voi non siate lavoratori dell’ospedale, chiedete più prevenzione invece di cure in ospedale.

    Vita sana, riduzione dell’inquinamento e meno stress ridurrebbero il problema dell’ospedale perché molta gente non si ammalerebbe e non ce ne sarebbe bisogno.

    • Si ma il pronto soccorso deve tornare come una volta quando ci portavano i codici rossi degli incidenti, adesso manco ci portano più i codici gialli, è una vergogna targata Fontana e soci.

  6. Secondo tanti è un problema di dirigenza ospedaliera dell’Asst valle olona. Provate a cambiare la dirigenza e vedrete che la situazione cambierà. Questa consiglio è per l’assessore alla sanità regione Lombardia.

Comments are closed.