Natal di temp indree

Me passa in de la ment ‘me ‘I fuss iér

el bell Natal che gh’era ai temp indree.

El prét col cereghètt a benedì;

a la Novèna in gésa a dì i patér.

In cà tutt quanti in trüscia a fà ‘l presèpi:

cortècc, carton, montagn de cartapesta;

carta stellada per trà foeura ‘l ciel;

tèppa e laghètt cont un cicin de spècc.

Camei e bér e tanti statuètt

longh i stravei sbiancaa de sass masnaa.

Carta stagnola a fà ‘n quai ruscellètt;

e lüs de chi e de là, d’ogni color.

Ma gh’era la gabbana a dominà:

Madonna, San Giusepp col Bambinell,

cont lì de fianch el boeu e l’asinell

e all’ari i angiaritt a guardà ‘l ciel.

Vegniva ‘l dì de festa coi belee

sconduu sòtta al presèpi in d’un canton.

Guardai, toccai a se godeva un mond:

eren el sogn, la gran felicità.

La lègna che brüsava in del camin

la lüminava i facc de la famiglia,

i coeur che s’inondaven de splendor

denanz a un dì de pas, de poesia.

‘Rivava la Befana e i trii Re Magi,

la Stella d’Orient a serraa dree

el calendari di festeggiament

cont i bomboni dent d’una calzètta.

A l’era inscì ‘l Natal di temp indree,

faa de modestia e de semplicità.

Quell che se ved incoeu l’è un po’ divers:

forse gh’è in gir tropp lüs e tropp danee.

Questa è una poesia che Giuseppe Radice ha concesso a ilSaronno per il suo Calendario d’Avvento. Ogni giorno dal primo al 25 dicembre 2021 proporremo ai nostri lettori una diversa opera del poeta saronnese tratta dal libro “Freguj de Natal – Briciole di Natale” pubblicato nel 2012. L’iniziativa è stata organizzata grazie alla collaborazione di Enrico Cantù assicurazioni.

CHI E’ GIUSEPPE RADICE

È nato a Saronno il 4 settembre 1944 e da sempre vi risiede. Socio fondatore della Società Storica Saronnese. È autore di diverse raccolte di poesie in lingua e in vernacolo di alcuni saggi sulla storia locale. La sua prima silloge, “Manciate di terra”, è del 1976. Diversi i riconoscimenti e i premi a lui assegnati, tra cui spicca quello de “La Ciocchina” del 1997, benemerenza della Cit tà di Saronno, che porta la seguente motivazio ne: “Per la brillante testimonianza della cultura e delle tradizioni saronnesi resa attraverso una ricca produzione poetica in vernacolo che affon da le sue radici nei più genuini sentimenti del passato”. Nello stesso anno, a Milano, con la poesia in vernacolo “Brisina de Natal”, gli viene assegnato il premio “Antica Credenza di Sant’Ambrogio”. A Varese, nei concorsi di poesia in vernacolo dal titolo il “Pennino d’oro”, organizzati dal Lions Club Varese Europae Civitas, nelle edizioni 2000, 2001, 2006, 2014/15 e 2015/16, gli vengono conferite significative attestazioni di merito. Dall’anno 1969 al 2009 (ultima uscita del mensile “Città di Saronno”) ha collaborato come redattore del giornale cittadino edito dal Comune di Saronno, mensile distribuito gratuitamente a tutte le famiglie saronnesi. A partire dall’anno accademico 2004/2005 al 2015/2016, è stato docente di poesia in vernacolo all’Università delle Tre Età (UNITRE) di Saronno. E’ stata recentemente pubblicata “Saronno & Amarcord” segna la sua trentacinquesima opera. Tutti i ricavi dei suoi libri sono stati destinati ad associazioni aventi scopi benefici.

1 commento

  1. Complimenti alla Direttrice Sara Giudici per questa bellissima iniziativa, che riporta noi vecchietti a rivivere, nei ricordi, il Natale di una volta e dà anche modo ai giovani di conoscere con quanta semplicità festeggiavano il Natale i loro nonni. Grazie al poeta Giuseppe Radice per le sue sempre vive e belle testimonianze poetiche.

Comments are closed.