SARONNO / VENEGONO INFERIORE – In una intervista trasmessa questo pomeriggio dal canale televisivo Sky Tg24 il maggiore Fortunato Suriano, comandante della Compagnia carabinieri di Saronno, ha chiarito come nel giro di poche ore sia stato possibile rintracciare ed assicurare alla giustizia i responsabili dell’aggressione e della violenza sessuale ai danni di una ventenne sul treno Saronno-Varese e di una ulteriore aggressione alla stazione di Venegono Inferiore.

Poche ore dopo i fatti, sabato sera, ai militari è giunta una richiesta di intervento per schimazzi all’interno di una casa a Venegono Inferiore: “I carabinieri intervenuti – ha spiegato l’ufficiale – si sono resi conto di trovarsi di fronte ai due ricercati. Lo hanno capito ricordando la loro descrizione fornita da una delle giovani che era stata presa di mira e poi proprio a Venegono erano stati visti allontanarsi a piedi”. Questi, ed altri elementi investigativi, hanno dunque consentito di acciuffare subito i due presenti responsabili di quegli episodi.

06122021

4 Commenti

  1. Ovviamente, come hanno detto al TG, il marocchino ha precedenti penali ed è clandestino. Avrebbe dovuto essere in Marocco…..

  2. Ben fatto. Asesso speriamo che anche i giudici (non la deirettrice de ilSaronno) facciano il loro lavoro.

  3. Oltre una auspicata durissima e lunghissima pena – con il vigente sistema penale mera chimera – bisognerebbe che ci sia vigilanza adeguata e continua sui convogli ferroviari.
    A carico dello Stato o carico di Trenord (od anche di Ferrovie dello Stato).
    Diversamente si fermino i convogli dopo una cert’ora.
    Mettiamoci nei panni di due povere vittime e….di quelli che in futuro rischiano di diventarle.

Comments are closed.