SARONNO – “Un consiglio comunale aperto sulla Focris” È questa la richiesta firmata dai consiglieri comunali d’opposizione di Lega Lombarda, Fratelli d’Italia e Forza Italia.

“Lo scorso anno il sindaco Airoldi nominò i rappresentanti saronnesi nel CdA della Focris senza consultare la minoranza – spiegano in una nota congiunta – atto non previsto dallo statuto della fondazione, ma buona prassi attuata negli ultimi venti anni da tutti i sindaci.Per questa ragione i gruppi consiliari di minoranza non possono fare altro che apprendere dalla stampa quanto accade all’interno della struttura sanitario-assistenziale”.

Chiaro il riferimento all’aumento delle rette reso noto da ilSaronno con la forte presa di posizione dell’ex candidato sindaco Sergio Giannoni.

“È fresca la notizia dell’aumento delle rette per l’anno 2022 così come sono giunte attraverso la stampa le giustificazioni addotte dal presidente Tommaso Mascarello e dalla lista civica Obiettivo Saronno”

Lega Lombarda, Fratelli d’Italia e Forza Italia chiedono quindi di svolgere una seduta aperta al pubblico affinché il presidente del CdA di Focris, Tommaso Mascarello, possa illustrare le ragioni di tale scelta e recepire domande e osservazioni dei saronnesi e dei consiglieri comunali.

“In nome della trasparenza, della condivisione e della più opportuna conoscenza affinché tutto il consiglio comunale ed i saronnesi siano informati riguardo i numeri dei bilanci 2020-2021 ed il previsionale 2022”.


È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram de ilSaronno.
Per Whatsapp aggiungere il numero + 39 3202734048 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero il messaggio “notizie on”
Per Telegram cercare il canale @ilsaronnobn o cliccare su https://t.me/ilsaronnobn

13 Commenti

  1. Se si fa chissà se poi butteranno fuori tre saronnesi a caso, come ha fatto Fagioli?

  2. Come al solito viene strumentalizzato anche l’aumento della retta nella casa di riposo cittadina. Credo che la chiarezza richiesta a gran voce non può essere esclusiva prerogativa del centrodestra per il solo fine di evidenziare un ipotetico atteggiamento passivo del centrosinistra, ma dell’intera Comunità saronnese, in quanto la Focris è una fondazione i cui fondatori sono i Comuni del circondario, oltre a Saronno e quindi la chiarezza è un dovere dei vari rappresentanti dei Comuni che siedono in CdA di relazionare i propri cittadini. E’ un azzardo politico assumere come pretesto questo evento per alimentare una battaglia politica a sostegno di un centrodestra, responsabile da vent’anni della gestione di una sanità lombarda, spinta verso un servizio sanitario privato a pagamento, infischiandosene di penalizzare il servizio pubblico, portandolo al declassamento e alla futura chiusura delle strutture esistenti. Pretendere un comportamento di chiarezza quando nel passato recente per virtuosismo della propria bandiera si sono commessi errori politici, si manca di rispetto agli ospiti della casa di riposo e alle loro famiglie che contribuiscono con grande sacrificio.

    • Avete la coda di paglia?
      Chi non sa cosa rispondere ad una domanda cambia discorso.
      Di fatto conferma le accuse.

  3. Ma lo sapete che la Focris è una struttura intercomunale alla quale partecipano anche i comuni limitrofi? Chiederete un consiglio comunale aperto anche da loro?
    Leggetevi lo statuto, su da bravi…

    • Quindi Saronno si è opposta ma i comuni limitrofi l’hanno imposto?
      Saronno non conta nulla?
      Perché non dirlo?

  4. Fossi in Mascarello porterei una bella presentazione con i bilanci degli ultimi 5 anni…
    Prevedo un autogol per Fagioli & co che, se non erro, avevano proprio secretato un consiglio comunale perché si doveva parlare di Focris… I paladini della trasparenza…

Comments are closed.