SARONNO – Il liceo scientifico Gian Battista Grassi onora la Giornata della Memoria con tre interventi di interesse storico e culturale, con un focus sulle leggi razziali che hanno perseguitato gli ebrei. Il 25 gennaio, nell’aula magna dell’istituto in via Benedetto Croce 1, dalle 10 alle 13, avrà luogo la conferenza “Leggi raziali, discriminazione e deportazione nell’Italia fascista”.

Tre i nomi di coloro che prenderanno parte alla conferenza: lo storico Michele Sarfatti parlerà degli ebrei italiani, da cittadini a deportati; Enzo Laforgia, professore di storia e filosofia, terrà un intervento dal titolo “La fabbrica dell’odio. La propaganda antiebraica nella Cronaca Prealpina”. In conclusione, l’autore Giuseppe Nigro interverrà sull’imprenditoria ebraica italiana di fronte alle leggi razziste.

L’evento è aperto alla cittadinanza gratuitamente fino esaurimento posti. È obbligatoria la prenotazione al numero 0296710358 o all’indirizzo mail [email protected]; richiesto anche Green Pass e mascherina Ffp2.

L’iniziativa ha il patrocinio della Città di Saronno ed è organizzata dal liceo Grassi, dal museo delle Industrie e del Lavoro del Saronnese, dalla società Storica Saronnese, dalla sezione di Saronno dell’ Anpi (Associazione nazionale partigiani d’Italia) e dall’Aned (Associazione nazionale ex deportati nei campi nazisti).

120102022


È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram de ilSaronno.
Per Whatsapp aggiungere il numero + 39 3202734048 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero il messaggio “notizie on”
Per Telegram cercare il canale @ilsaronnobn o cliccare su https://t.me/ilsaronnobn

4 Commenti

  1. Senza voler negare e/o giustificare una pessima pagina della nostra Storia ma organizzate anche incontri per spiegare cosa sono state le Foibe e i crimini commessi contro gli Italiani Giuliani, Istriani e Dalmati.
    Oppure per l’anpi questo é stato giusto !!!!!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.