SARONNO – Riceviamo e pubblichiamo la nota dell’Amministrazione comunale.

Questa mattina il Sindaco Augusto Airoldi, dopo numerose consultazioni con la maggioranza e i diversi Assessori e dopo aver incontrato l’Assessore ing. Novella Ciceroni, ha comunicato la revoca delle sue deleghe ai Lavori Pubblici, al Decoro Urbano e all’Innovazione.

“Ringrazio l’Assessore Ciceroni per il lavoro svolto in questi primi 15 mesi di amministrazione,” afferma il Sindaco Augusto Airoldi, “ma ho dovuto prendere atto del venire meno del rapporto di fiducia che è alla base del rapporto tra un Sindaco e un suo Assessore e che è condizione indispensabile alla realizzazione del programma concordato con gli elettori.

La fiducia che è mancata e che mi ha imposto il ritiro delle deleghe è determinata sia da questioni di merito che di metodo.

Per questioni di merito intendo gli impegni che abbiamo assunto nei confronti dei saronnesi che ci hanno scelti per realizzare un programma preciso, che richiede ancora più affidabilità nel rispetto delle scadenze e il rigore che impone il PNRR nei prossimi giorni, mesi e anni. La questione di metodo invece rimanda alla necessaria compattezza della squadra assessorile che, con me, deve realizzare l’impegnativo programma elettorale.

Un programma che, come diciamo dai tempi della campagna elettorale traguarda la Saronno dei nostri figli e nipoti e richiede compattezza soprattutto sulle scelte di visione e rilancio della città e delle sue realtà più preziose.”


“Nei prossimi giorni,” conclude il Sindaco Augusto Airoldi, “ci consulteremo con la maggioranza, che con me ha condiviso coralmente e compattamente questa decisione doverosa verso i saronnesi, benché umanamente e personalmente dura da assumere, e arriveremo alla scelta del nuovo Assessore che dovrà rapidamente salire sul treno in corsa del programma elettorale da accelerare e del PNRR da conquistare e gestire con la massima efficienza, affidabilità e in sinergia con tutta la Giunta.”

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram de ilSaronno.
Per Whatsapp aggiungere il numero + 39 3202734048 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero il messaggio “notizie on”
Per Telegram cercare il canale @ilsaronnobn o cliccare su https://t.me/ilsaronnobn

103 Commenti

    • Se fino a oggi eravamo dei convinti asserzionisti che a Saronno il sindaco non esiste, da ora in poi, vista la precarietà politica con cui si sorregge questa giunta, con l’uscita di ob sar dalla maggioranza, siamo a chiderle, sig. Airoldi, le sue immediate ed irrevocabili dimissioni al fine di consentire ai cittadini di tornare alle urne il prima possibile per dare un governo e un’amministrazione stabile alla città e in grado di affrontare gli impegni sanitari, sociali ed economici necessari per uscire dalla pandemia e rilanciare Saronno.
      Il direttivo del gruppo
      AIROLDI!!! …il sindaco non esiste!!!

    • Belle parole che devono seguire ai fatti: dimissioni del sindaco, per questioni di metodo e di merito.
      Metodo: aver voluto ad ogni costo vincere le elezioni attraendo gli elettori di ob sar.
      Merito: fin qui c’è poco da dire sul disastro di questa amministrazione che è sotto gli occhi di tutti.

    • Pronto Augusto?!
      Sunt ul Mario, ul tu amis!
      Fa na bela roba: tirass foura dai pastiss e mola tus coss.
      Almen te salvet la facia che l’è la tua.

  1. inevitabile dopo la perdita del finanziamento di 4 milioni di euro per la scuola Rodari… probabilmente le dimissioni dalla carica assessorile avrebbero permesso un’uscita più dignitosa

    • Probabile… A meno che l’assessore non ritenesse di avere alcuna responsabilità al riguardo. Se non lei, allora il personale del Comune? Chi?

    • Certo, perché la perdita del finanziamento è responsabilità dell’assessore…. Non del dirigente comunale che si è “perso” la questione…
      Basterebbe conoscere un minimo le dinamiche comunali per evitare di scrivere certe inesattezze…

      • Non può essere colpa del dirigente comunale.
        La prova è il sindaco stesso ha affermato che non la voleva fare definendola scuola di cartone.
        E poi il dirigente in questione non è stato licenziato come succede ai dirigenti che fanno perdere 4 ML di euro.
        Quindi la responsabilità sta in chi ha creato questa situazione, cioè sindaco e giunta.

      • Ma non diciamo scemenze sulle “dinamiche comunali”. Dov’era l’assessore mentre il bando scadeva? Sparecchiava? Ovvio che dovesse controllare lei il lavoro degli uffici. È lì per quello.

    • Obiettivo Saronno “usata per vincere le elezioni”? Ma chi è stato, il medico, a consigliare i componenti della lista a cercare alleanze per amministrare la città?

  2. C’è la “sua” maggioranza, quelli che devono dire sempre sì.
    E poi c’è il resto della maggioranza, quelli che votano in base agli interessi della città, quelli che hanno la schiena dritta.
    E per questo danno fastidio. Perché si oppongono alle logiche della vecchia politica. Complimenti Airoldi!
    Adesso si dimostra proprio per quello che è. Mi spiace averla votata.

    • Chi è che ha “la schiena dritta”? Quelli che si lasciano scivolare dalle dita 8 miliardi di vecchie lire? Pardon, 4 milioni di euro destinati ad una nuova scuola? E che all’incontro di quartiere al Prealpi di fine novembre, richiesta di informazioni sul tema, ha risposto “in 3 anni facciamo nuova scuola, nuova palestra e nuovo parco”?

    • La schiena dritta poteva anche piegarsi e lavorare seriamente per ristrutturare la scuola Rodari che, se non te ne sei accorto, era gestita dalla Ciceroni. Quella che il 25 novembre è andata al Prealpi a dire che “i lavori sarebbero iniziati in primavera” a richiesta di proroga già rigettata. Vedi un po’ se dobbiamo tenerci un assessore così.

      • È andata insieme al sindaco che non l’ha smentita.
        Erano d’accordo allora.
        Oggi per motivi politici non lo sono più per cui, dopo essersi assicurate le spalle, è partita la pugnalata.

        • Non erano d’accordo, semplicemente nessuno era stato informato della situazione e l’assessora non se ne era nemmeno preventivamente interessata. Questo per dire l’affidabilità del soggetto.

    • Signor Airoldi, non le sorge il dubbio che anche ai cittadini sia venuta meno la fiducia il lei come sindaco, per questioni di merito e di metodo?
      Si faccia un esame di coscienza (politica) e ne tragga le dovute conclusioni.

    • Ha “perso” un finanziamento da 4 milioni e Saronno si è persa, forse, una nuova scuola. Che doveva fare il sindaco? Farle un monumento?
      Si doveva assumere le sue responsabilità, sarebbe stato meglio

    • ANche io ho votato Airoldi e sono molto deluso…
      Come affermi, si dimostra che quelli che si informano e segnalano, sono ostacolatori e non dei giocatori della squadra che vogliono dare una mano al sindaco per migliorare la città.
      Ero convinto che il modo di governare di Airoldi potesse essere differente dagli ultimi 20 anni, ma d’altronde i protagonisti sono sempre gli stessi di 15 anni fa.
      Speriamo che Obiettivo Saronno mantenga la schiena dritta, e riesca scardinare questi vecchi personaggi che ci hanno profondamente stufato

  3. La strategia di Gilli ha trionfato….adesso il suo voto in consiglio comunale sarà determinante.. SCACCO MATTO a AIROLDI. Povera Saronno, non cambierà mai.

  4. Dispiace vedere che a poco più di un anno dalla nomina, un Assessore non riscuote più la fiducia dei colleghi della Giunta e delle liste che li hanno espressi. Evidentemente, al di là dei numerosi e non sempre comprensibili distinguo espressi dai consiglieri comunali della lista Obiettivo Saronno che ha avuto N. Ciceroni come capolista, ha pesato la perdita di 4 milioni di euro di finanziamento pubblico destinati alla nuova Primaria Rodari e il silenzio dell’assessore sulle cause di ciò o su sue responsabilità. Forse, non ne ha avuto il tempo.

  5. Maggioranza sempre più allo sbando ,ora obiettivo Saronno che farà passerà nelle fila dell’opposizione o continuerà a sostenere questa Maggioranza, l’unica certezza è che questa alleanza era stata fatta solo per vincere le elezioni e non certo per governare Saronno

  6. Complimenti Sindaco ! In 14 mesi mesi è riuscito a fare diventare una Consigliera Indipendente, ha perso due Assessori e probabilmente quattro consiglieri di maggioranza. Pensa di amministrare da solo la nostra cittá ?

    • Stai sereno che Airoldi alla colomba non ci arriva, si dimette prima, anche perché non ha più i numeri per fare il sindaco.
      Adesso tocca solo a lui, se rassegnare le dimissioni di sua spontanea volontà o andare sempre sotto ad ogni consiglio comunale.

    • La consigliera è indipendente per sua scelta e, credo, non condivisa da chi le ha dato i voti.
      L’assessore è stata sostituita egregiamente, così come lo sarà la signora Ciceroni. Se si fosse dimessa anche lei, senza aspettare quello che era inevitabile, avrebbe fatto ➕ bella figura. I quattro consiglieri agiranno in base al loro senso civico e al fatto che, se si torna a votare, Obiettivo Saronno sparisce di certo.

  7. Obiettivo Saronno adesso posso proprio dire di aver fatto bene a darvi fiducia…non avete ceduto alle logiche di partito…avanti cosí. Finalmente qualcuno che potrá davvero cambiare qualcosa…a breve !

  8. Giusto ed inevitabile vista la responsabilità sulla Rodari, sarebbe stato più onorevole per Ciceroni dare le dimissioni ma evidentemente sono troppo idealista…

  9. Inevitabile togliere le deleghe a un assessore che ha condotto così malamente la questione della Rodari e che ha commentato qualsiasi cosa, salvo dire chiaramente e pubblicamente cosa sia successo. C’è molta differenza tra la vita reale e quella sui social.

  10. Chi è che ha “la schiena dritta”? Quelli che si lasciano scivolare dalle dita 8 miliardi di vecchie lire? Pardon, 4 milioni di euro destinati ad una nuova scuola? E che all’incontro di quartiere al Prealpi di fine novembre, richiesta di informazioni sul tema, ha risposto “in 3 anni facciamo nuova scuola, nuova palestra e nuovo parco”?

  11. Adesso Gilli varrà come 4. Ecco il disegno iniziale di metterlo lì, era il jolly nel mazzo.
    Obiettivo serviva solo per vincere. Dato che non si sono piegati allora vanno cacciati.
    Tanto c’è il supporto incondizionato della “sua” maggioranza, e di Gilli.
    Bravo, bel modo di governare!

    • Ma che cavolo dice? Partecipava a tutte le riunioni di maggioranza, lei è i suoi soci. Mica siamo ai tempi dei carbonari o della precedente giunta

    • Ma se Ciceroni era tenuta all’oscuro di tutto perché era sempre presente in giunta e ha sempre votato a favore? Cos’è? Non leggeva nulla? Non discuteva nulla?
      Ahaha, ma dai, come si fa a scrivere cose simili?

  12. Obiettivo Saronno si è fatta fuori da sola. La decisione è inevitabile e giusta.
    Alla fine, per loro la campagna elettorale non è mai finita.
    Adesso possono tornare a sbraitare senza costrutto come prima.

    • Ma se prima “sbraitavano senza costrutto” e voi lo sapevate… perché li avete caricati al ballottaggio? Solo per i voti?
      Allora conferma che ha ragione chi vi critica su questo punto.
      Ottimo, eh…

  13. Nel totale disprezzo dell’interesse dei Saronnesi il sindaco silura un assessore nel tentativo di prolungare l’agonia della giunta.
    Non importano i risultati, ma stare a galla. La faccia è compromessa, ma la poltrona no.

  14. Prossimo passo dimissioni di tutta la giunta e poi elezioni, vi siete posti per essere contro la lega e non per essere l’alternativa, risultato record di astensioni al voto e ora per correttezza alla popolazione saronnese nuove elezioni

  15. Dopo la vicenda della Rodari doveva dimettersi da sola.
    Dispiace che abbia comunque avuto modo di combinare danni, vedi via Roma !!!!

  16. Mi dispiace molto, un assessore in gamba dal punto di vista tecnico , l avevo sentita parlare nell incontro al prealpi.
    Non so cosa sia successo

  17. A me la sigra Ciceroni non dispiaceva, si é sempre impegnata documentandosi e cercando il dialogo. Sui 4 milioni persi avrá magari qualche colpa ma dubito sia tutta colpa sua

  18. Ob Saronno usata per vincere e scaricata dai vecchi elefanti, ma davvero questa è la politica che vogliono i saronnesi?

  19. É in corso un attacco alla democrazia , una pugnalata al voto degli elettori. Un gruppo di pochi personaggi dalla doppia faccia decide per i molti, la gente deve sapere !

  20. Adesso cosa credete che accada? Ob Saronno non andrà via dalla maggioranza ma rimarrà dentro e restituirà il favore facendo fuoco e fiamme ad ogni riunione/consiglio ! Situazione esplosiva !!

  21. Meno male, aveva preso in giro tutti quelli che l’hanno eletta. Consiglierei Bunelli come l’amico, ha tutte le qualità e l’esperienza per prendere il posto vagante. Un saronnese puro che sa gestire molto bene con tanta onestà.

  22. Egregi signori, da quel che ho letto nei vostri commenti ho detotto che Sindaco, Assessori, Dirigenti, Responsabili di settore non si parlino tra loro. Forse non si conoscono neppure e davanti alla macchinetta per la pausa caffè, il raggruppamento è formato da emeriti sconosciuti.
    È lo staff dirigenziale al completo che fa funzionare al meglio l’Amministrazione Comunale della nostra Città.
    Non credo che la dottoressa Ciceroni il 25 novembre, nell’incontro di quartiere al Prealpi, con sindaco e giunta al completo, dica che i soldi ci sono e oggi sono andati dispersi. Tutti colpevoli, tutti fantasmi.
    Nota. Il 25 novembre al Prealpi io c’ero. Li ho ascoltati. Pareva il miglior gruppo dirigenziale Amministrazione Comunale che abbiamo avuto. Tutto correva su binari perfettamente allineati e ben oliati.
    Buona sera a tutti.

    • E invece l’ha detto. A proroga già rifiutata (22 novembre). Questa signora che non ha scritto una riga sul disastro della Rodari nemmeno si è informata prima di andare a parlare ai cittadini su una cosa di sua competenza, pur sapendo che la proroga fosse stata chiesta. E ovviamente non ha conseguentemente informato nessun altro della giunta.

      Veda lei se questa superficialità è accettabile e perdonabile, nella gestione della cosa pubblica.

  23. Il minestrone cucinato per vincere il ballottaggio è già stracotto e indigesto…preoccupazione prr i prossimi quattro anni di deriva che saranno interminabili.
    Mai piú le sinistre a governare qualsiasi cosa! …non lo sanno fare!…la storia lo insegna.

    • Io spero che non saranno 4 anni ma molti meno. Capisco l’attaccamento alla poltrona ma non si possono fare altri 4 anni così. Per il bene di Saronno, che si vada a nuove elezioni !

  24. Spoiler : Guardate che tutti in comune sapevano che la richiesta di proroga per il bando Rodari era inevitabile e da fare, viste le modifiche resesi necessarie. Come altri progetti, adesso attualmente in proroga, però, nessuno si aspettava uno stop dei fondi, stop ancora non completamente definitivo, visto che si sono accorti che molti comuni sono nella medesima situazione.

    • E se tutti erano così consapevoli di quella richiesta perchè non è stato detto in maniera chiara e precisa anche dalla Ciceroni ? Perchè andava a sbandierare che c’era il finanziamento ecc ecc ?

  25. Peccato per l’ingegner Ciceroni, donna in gamba e molto preparata.
    Ahimé l’errore l’ha commesso lei stessa quando ha deciso di appoggiare Airoldi e il PD.

    La politica è per molti ma non per tutti.

    Saronno allo sfascio (se si vuole la poltrona stretta bisogna fare come a Solaro, tutti zitti e muti anche difronte a errori madornali di assessori).

  26. La verità è che questi non saprebbero amministrare neanche un condominio (soprattutto se c’è la neve da spalare)…

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.