SARONNO – Riceviamo e pubblichiamo la nota di Fratelli d’Italia sulla revoca delle deleghe all’assessore Novella Ciceroni (qui tutto il riassuntone).

Si salvi chi può: abbandonare la nave! Se vi fossero stati dubbi ora non ci sono più. Un Sindaco e una maggioranza alla deriva, ormai senza rotta.

Già questa estate l’assessore al Bilancio aveva deciso di abbandonare la nave, ufficialmente per motivi di lavoro, ma, tra i “si dice” della politica, pare per motivi di incompatibilità con la più alta carica cittadina.
Fu già il primo fulmine a ciel sereno a nemmeno un anno dall’insediamento. Poi gli ammutinamenti in consiglio comunale ed i silenzi imbarazzanti ed imbarazzati, tanti, troppi, con le successive minacce di punizioni che denotavano un’impotenza conclamata.

Una maggioranza spettro sul tema sicurezza, per non parlare della fine misteriosa della stessa commissione, dispersa in mare, forse.

Partecipazione, commissioni, trasparenza, competenza, tutti temi che ormai fanno sorridere in modo amaro se pensiamo che, durante la campagna elettorale passata, erano i cavalli di battaglia di questa coalizione.

Oggi un altro abbandono, anche se ufficialmente sotto forma di “purga”, di un assessorato importantissimo come quello dei lavori pubblici, un’altra donna della Giunta rosa saronnese che lascia una nave ormai alla deriva.

Il sindaco può usare tutti gli stratagemmi, come la revoca della delega, per salvarsi dalla sua condotta fuori rotta che ci ha portato alla perdita dei quattro milioni di finanziamento della scuola Rodari, pur avendo fatto passare questa mancanza quasi come un bene per la città, per evitare di costruire la ormai famosa scuola di cartone, oppure per lavare un apparente ammutinamento all’ultimo consiglio comunale.

Ora che la maggioranza è sempre più scarna, probabilmente orfana di quelli che, fino a dieci giorni fa, nell’intervista di fine anno, erano gli “amici di Obiettivo Saronno”, il Sindaco dovrebbe avere il buon gusto di issare bandiera bianca e non continuare su questa rotta che ci porterà sempre più velocemente al naufragio in un periodo storico così delicato.


È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram de ilSaronno.
Per Whatsapp aggiungere il numero + 39 3202734048 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero il messaggio “notizie on”
Per Telegram cercare il canale @ilsaronnobn o cliccare su https://t.me/ilsaronnobn

16 Commenti

  1. Capisco che dovete dire per forza qualcosa da opposizione, provare a speculare sulla notizia, ma perche’ doveva tenersi per forza un assessore che ha gestito cosi bene il progetto Rodari?
    Un qualunque assessore si sarebbe dimesso da solo.

  2. Ai poco attenti “amici” di Fratelli d’Italia, vorrei far notar che il Sindaco ha revocato la delega all’assessore Ciceroni, ma non ha allontanato OS dalla maggioranza.
    Ho letto male i comunicati, ho Fratelli d’Italia sono solo un pò distratti o forse sono….

  3. Ah ma che commento di altissimo livello politico, che visione!

    Gli “amici” di Fratelli d’Italia si sono già dimenticati di aver chiesto una commissione sulla Rodari e poi parlano di “purga” dell’assessore. Forse nemmeno loro stessi sanno perché fanno quel che fanno, da quel che scrivono (perché è ovvio che Ciceroni sia stata rimossa dall’incarico per la malagestione sulla scuola).

    Favoloso poi l’appello al “delicato periodo”. Nel luminoso pensiero di FdI, in questo momento sarebbe meglio, a Saronno, avere il Commissario a gestire i fondi del PNRR (nota per i lettori, vorrebbe dire che nessuno li gestirebbe).

    Infine, si lagnano della commissione sicurezza non convocata quando loro l’hanno convocata 2 volte in 5 anni. Memoria corta, e non solo quella.

  4. Caro GP, la verità è una sola: a Saronno il sindaco Airoldi non esiste, non è mai esistito come tale figura, ma al suo posto le redini della macchina comunale sono tenute dal presidente del consiglio.
    Da più di un anno affermiamo questa situazione paradossale nei commenti su queste pagine e crediamo a questo punto di non poter essere smentiti dall’evolversi dei fatti.
    Confidiamo in te, come esponente della minoranza, affinché dai banchi del consiglio comunale (purtroppo nessuno di noi è stato eletto) possa vigilare con scrupolo e attenzione su tutto ciò che sta facendo per Saronno questa pessima amministrazione.
    Grazie
    Il direttivo
    AIROLDI!!! … il sindaco che non esiste!!!

    • È GP che non esiste. Che cosa ha fatto nella precedente amministrazione se non rompete le scatole con il calcio, come se fosse l’unico problema di Saronno. È pur vero che era l’assessore allo sport però…

    • Leggo sul commento: “purtroppo nessuno di noi è stato eletto”. Questo significa che i non eletti delle destre hanno fondato un gruppo con addirittura un direttivo!
      La curiosità è che i bocciati danno dell’inesistente a chi ha stravinto le elezioni. In questo caso come dovrebbero essere definiti coloro che sono stati bocciati? Bocciati che magari hanno raccolto un misero numero di preferenze e per questo si nascondono con l’anonimato!
      In ogni caso, chiedo all’anonimo di fare conoscere a tutti se l’obiettivo del “gruppo” è quello di ripresentarsi alle prossime elezioni.

  5. Emergono espressioni che fanno rabbrividire coloro che conoscono il passato periodo storico italiano che portò la Nazione Italia alla guerra e prima ancora all’infamia di incivili restrizioni. Il lupo perde il pelo ma non …. il vizio.

  6. C’è naturalmente del vero in quello che avete scritto, cari ex amici di FdI. Il problema del centrodestra a Saronno è però che, in ogni caso, non c’è nessuno – ma proprio nessuno – che rimpianga l’amministrazione precedente. Provate a chiedervi come mai. Se non lo farete non uscirete dal guado.

    • Tanto meno il consigliere eletto proprio con Fratelli d’Italia che non ha mollato la poltrona una volta deciso di abbandonare ….. coerenza e silenzio ci vorrebbe

      • Per non parlare di chi non sa o finge di dimenticare che i voti dei consiglieri sono personali. Studio e buona fede servirebbero

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.