SARONNO – Balordi e senza tetto popolano di notte l’ospedale di Saronno: in piazza Borella non è una novità, attualmente sono una mezza dozzina le persone, si tratta soprattutto di stranieri, che la sera entrano nell’area ospedaliera e si stendono per dormire sulle sedie nelle sale d’attesa dei reparti o nell’atrio dei vari padiglioni. E talvolta creano problemi al personale: c’è anche chi, quando viene invitato a sloggiare dà in escandescenze ed assume atteggiamento aggressivi, e chi proprio non se ne va sino all’arrivo delle guardie.

E’ un problema di sicurezza per personale e degenti, ed anche per le questioni legate alla pandemia da coronavirus: in un ospedale dove l’accesso avviene con tutte le cautele del caso, per evitare la diffusione dei contagi, evidentemente non è possibile che entrino nelle strutture ospedaliere persone che non rispettano le norme anti-covid.

Un problema di vecchia data e che torna dunque a proporsi, quello della sicurezza in ospedale.


È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram de ilSaronno.
Per Whatsapp aggiungere il numero + 39 3202734048 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero il messaggio “notizie on”
Per Telegram cercare il canale @ilsaronnobn o cliccare su https://t.me/ilsaronnobn

16012022

10 Commenti

  1. Un problema di vecchia data…la sicurezza in ospedale !?!
    CERTO !
    IL PROBLEMA irrisolto di vecchia data sono i SENZA TETTO
    Se fate un articolo così siete dei mistificatori, non informazione.

  2. Gia di più di 2 anni che vivono nel ospedale, tanto stranieri e soprattutto italiani, c’è uno in particolare che no do il nome ,però che dorme più di 15 anni nel ospedale e no le dicono niente, per favore, devono mettere sicurezza nel posto e parlare con il responsabile del ospedale.
    C’è nel comune di Saronno emergenza freddo, come altre comune.

  3. Vietato nominare la “chiesa” nei commenti a quanto vedo finora. Comunque se sono lì è perché non hanno il greenpass per accedere ai dormitori ufficiali.

  4. almeno serve a qualcuno sto ospedale.
    Ditelo al super sindaco che scrive una letterina a qualcuno.

Comments are closed.