SARONNO – Negli ospedali dell’Asst Valle Olona sono ricoverati 143 pazienti Covid-19, così suddivisi: 68 a Busto Arsizio, 55 a Gallarate (di cui 4 in terapia intensiva), 20 a Saronno.

In ventilazione assistita non invasiva (casco C-Pap) abbiamo 13 pazienti: 9 a Busto, 3 a Gallarate, 1 a Saronno.

Età media: 72 anni.

Per sintomatologia riconducibile a Sars-CoV-2 al momento 11 persone sono in accertamento al pronto soccorso dell’ospedale di Busto Arsizio, 5 persone al pronto soccorso dell’ospedale di Gallarate, 2 persone al pronto soccorso dell’ospedale di Saronno.

Afferma il direttore sanitario dell’Asst Valle Olona, Claudio Arici: “Non sono state poche le volte che, in questi ultimi due anni, il virus ha tradito i calcoli e le previsioni di matematici ed epidemiologi. Di conseguenza anche le mie e di chi, con me, deve scegliere quanti letti Covid aprire per tempo, per non lasciare in situazioni di invivibilità i pronto soccorso, e quali letti o attività ambulatoriali chiudere, per far sì che si mantenga un equilibrio sostenibile in termini di spazi e soprattutto di risorse. Le previsioni dovrebbero guidarci ma abbiamo imparato a guardarle e a muoverci con prudenza. Ci sono segnali incoraggianti in questi giorni per quanto riguarda le previsioni, Varese è  tra le provincie che si stima abbiano già raggiunto il picco. Negli ultimi sette giorni, anche probabilmente grazie all’apertura della Rianimazione in Fiera e all’apertura di nuovi posti covid in aziende pubbliche e private stimolate da Regione, nell’Asst Valle Olona ci siamo stabilizzati poco sopra i 140 posti letto per acuti e i 34 posti letto subacuti. Saranno però i prossimi 7 giorni a chiarire se possiamo confermare il plateau o iniziare a vedere qualche miglioramento. Il numero di persone con covid in attesa al Pronto soccorso non ha un particolare valore predittivo di cosa succederà nei giorni a venire, ma è lo specchio più reale di quel che succede momento per momento”.

18012022