SARONNO – Oggi alle 17.30 la tradizionale messa con la polizia locale, in occasione del giorno del patrono dei vigili, San Sebastiano. Si è tenuta nella chiesa di San Francesco e oltre agli agenti si sono radunati molti fedeli. C’erano anche le autorità cittadine, dal sindaco Augusto Airoldi al presidente del consiglio comunale, Pierluigi Gilli con gli assessore Mimmo D’Amato e Franco Casali, ed i consiglieri comunali Cristiana Dho, Mattia Cattaneo e Gianpietro Guaglianone, presente con il Gruppo Alpini.

“Sono lieto di presiedere l’eucarestia nella festa di San Sebastiano, patrono della polizia locale – il rito è stato officiato dal prevosto, monsignor Claudio Galimberti – San Sebastiano era un uomo eroico, come eroico è chi si mette a servizio per l’ordine pubblico. Aveva due caratteristiche: la fede e la carità. Nato e cresciuto a Milano da padre francese e madre milanese. Andato a Roma, nel 283 diventa pretoriano poi fa parte della guardia dell’imperatore. Nel mentre, portava conforto caritatevole a detenuti e condannati a morte. Scoperto mentre dà sepoltura ad alcuni martiri cristiani, con un processo sommario viene ucciso. Era un uomo, un soldato, un cristiano. Era fedele all’imperatore, ma anche a Dio. Ognuno di noi è invitato ad attingere alla parola di Dio ed essere esempio”. Da parte del monsignor un invito rivolto agli agenti a non scoraggiarsi “davanti all’irriconoscenza. Un particolare grazie a chi è a capo del comando, che coordina il vostro lavoro a servizio del bene”.

(foto: alcuni momenti della messa di San Sebastiano)

20012022