SARONNO – In occasione della solennità dell’Annunciazione venerdì 25 marzo alle 21 in Santuario si è tenuta una messa solenne presieduta da un missionario del Pime in ricordo dei martiri missionari. Avrebbe dovuto essere incontro quaresimale ma è stato trasformato in messa e preghiera per missioni, martiri e pace. Del resto ricorreva proprio la giornata internazionale dei missionari martiri.

Il Pime e i suoi martiri

Il Pime, Pontificio Istituto Missioni Estere (Pime) è il primo istituto missionario nato in Italia, ed ha avuto la prima sede proprio a Saronno nel 1850 ad opera di monsignor Angelo Ramazzotti. Già l’anno dopo avvenne il primo martirio quello “in odium fidei” del beato Giovanni Mazzucconi. Con gli anni la situazione non è migliorata se si pensa che gli ultimi martiri del Pime sono Padre Tullio Favalli ucciso nel 1985 nelle Filippine dopo un solo anno di missione, Padre Salvatore Carzeyta morto nel 1992 per mano di integralisti nelle Filippine dove cercava un dialogo con l’Islam e nel 2011 Padre Fausto Tentorio assassinato mentre lavorava coi contadini per difendere la terra dalle multinazionali.

“Nessuno di loro ha cercato il martirio – ha spiegato il religioso nell’omelia – erano persone semplici dedite al proprio compito e questo è a volte sufficiente per armare la mani di qualcuno”. E ha rimarcato: “Il tema è quello di vivere la vita da cristiani tutti i giorni, che poi è il messaggio dell’annunciazione”.

Al termine della messa l’incoronazione della statua della Madonna e Gesù Bambino con una richiesta di pace.

—-

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram de ilSaronno.
Per Whatsapp aggiungere il numero + 39 3202734048 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero il messaggio “notizie on”
Per Telegram cercare il canale @ilsaronnobn o cliccare su https://t.me/ilsaronnobn