SOLARO – Nella giornata di giovedì 24 marzo i cittadini ucraini arrivati a Solaro in fuga dalla guerra, attualmente ospitati da parenti e amici, hanno visitato lo stabilimento Electrolux di corso Europa.

Accompagnati dai volontari della traduzione e dal sindaco Nilde Moretti e divisi in due gruppi per evitare assembramenti, i visitatori hanno ricevuto la calorosa accoglienza dei dipendenti dello stabilimento locale della multinazionale svedese dell’elettrodomestico. A loro è stato dedicato un angolo della solidarietà, allestito con i colori della bandiera dell’Ucraina. Durante la giornata, dopo la visita alle linee produttive, è stato organizzato un laboratorio creativo con la realizzazione di un cartellone colorato che è stato poi ritagliato e trasformato in un libro d’arte a ricordo dell’evento. La giornata si è conclusa con un momento conviviale e la consegna da parte dell’azienda di uno zainetto con del materiale scolastico ad ognuno dei ragazzi presenti.

“In questi giorni – ha commentato il sindaco Nilde Moretti – stiamo accogliendo diverse persone in fuga dalla guerra, specialmente donne, bambini e ragazzi in età scolastica. Cerchiamo, insieme alle scuole, alla parrocchia ed alle associazioni, di favorirne l’inserimento con una serie di eventi e momenti studiati per mostrare loro la nostra realtà. Sono particolarmente felice della giornata che hanno potuto trascorrere in Electrolux, sicuramente una visita da ricordare per la quale non solo ci tengo a ringraziare i vertici aziendali, ma anche a sottolineare la straordinaria accoglienza che è stata riservata loro da parte del personale. Si è trattato di un ulteriore attestato di solidarietà e di vicinanza che sicuramente ha rinvigorito il loro spirito messo a dura prova dalle preoccupazioni e dalle paure della guerra”.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram de ilSaronno.
Per Whatsapp aggiungere il numero + 39 3202734048 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero il messaggio “notizie on”
Per Telegram cercare il canale @ilsaronnobn o cliccare su https://t.me/ilsaronnobn