SARONNO – Ieri sera al quartiere Matteotti è ripartito il giro dell’Amministrazione comunale nei quartieri. Ad incontrare il sindaco Augusto Airoldi e l’intera Giunta tanti cittadini del popoloso rione e realtà storiche come ad esempio l’attivissimo gruppo del Gabbiano (QUI LA DIRETTA DE ILSARONNO).

Tanti i temi portati all’attenzione dell’Amministrazione da parte dei residenti a partire, con un intervento ancor prima dell’inizio della riunione, sul decoro urbano e sulla presenza di rifiuti a cui a risposto il sindaco: “Le zone da lei indicate sono più battute da Amsa per la raccolta dei rifiuti. Passano più qui che in corso Italia, perché qui si butta un po’ di tutto. Chiedo a voi la buona educazione del quartiere” Tema ripreso anche dall’assessore Franco Casali che ha inviato a segnalare i problemi in modo da permettere all’Amministrazione di intervenire.

Tra i temi più caldi la necessità di un intervento più forte e tempestivo di Aler sia sul fronte delle manutenzioni sia per, come ha ricordato suor Annunciata, i tanti appartamenti sfitti: “Aler è un grosso problema – ha detto il sindaco Augusto Airoldi – Il comune di Milano ottiene 0 come ottiene il comune di Saronno. Dal punto di vista giuridico non possiamo ottenere nulla. Oggi c’è un nuovo dirigente di Regione Lombardia che segue Saronno, sembra più aperto all’ascolto e meno accondiscendente nei confronti di Aler com’era il precedente, non sappiamo se cambierà qualcosa. Vi garantiamo che stiamo sollecitando di continuo, ma le decisioni sono di Aler.”

L’assessore ai Servizi Sociali Ilaria Pagani ha fatto il punto della situazione dell’X2 la nuova palazzina di via Amendola che dovrebbe essere consegna al Comune tra qualche mese visto che il collaudo ha avuto esito positivo: “Alcuni piani verranno utilizzati alloggi per portatori di disabilità, anziani e persone sole. Ci sarà una cooperativa che gestisce lo spazio. La parte del piano terra, con aule, spazi, bar, saranno ad uso del quartiere – anche per anziani e persone giovani.”

Tante le domande sulla viabilità dalla richiesta di un intervento tra via Varese e via Amendola con la realizzazione di una rotonda a quella delle auto che sfrecciano in via Fratelli Cervi. Riflettori dei residenti anche sul degrado che arriva dalle aree dismesse, sul futuro legato alla riqualificazione dell’ex Isotta Fraschini e alle strutture sportive dallo skate park, ai campi da basket fino all’x4. “Tornerà ad essere una palestra” ha dichiarato l’assessore Gabriele Musarò. Tante le richieste di spazi e di soluzioni per far vivere il quartiere, a cui ha risposto l’assessore Laura Succi, si è parlato di un possibile cinema sotto le stelle quest’estate. A rispondere alle richieste anche l’assessore Francesca Pozzoli: “Verrà studiato un discorso di rallentamento del traffico per i luoghi che avete segnalato. Sono già previsti spazi di ritrovo all’aperto, per piazza scoperta con traffico limitato”.

01042022

—-

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram de ilSaronno.
Per Whatsapp aggiungere il numero + 39 3202734048 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero il messaggio “notizie on”
Per Telegram cercare il canale @ilsaronnobn o cliccare su https://t.me/ilsaronnobn

4 Commenti

  1. Secondo Succi cinema ovunque, per qualsiasi cosa.
    Vuoi ravvivare un quartiere? Cinema sotto le stelle.
    Ora in città non si può fare una proposta che sia unica: ogni quartiere deve avere la propria versione. Campanilismo a tutto tondo, sempre più paesello, altro che città.
    I pochi fondi per la cultura dispersi in iniziative di dubbia valenza.
    Per queste cose si trovano risorse e zero impedimenti, ma se vuoi organizzare qualcosa non in linea con la Succi trovi solo impedimenti.
    Dimissioni subito.

  2. Aler e’ un disastro dei politici che gestiscono regione lombardia e rappresenta il menefreghismo verso le necessita’ dei cittadini meno abbienti o piu’ deboli della nostra societa’
    Per le altre necessita’ del quartiere serve piu’ presenza dell’amministrazione.

  3. Leggere questi commenti è deprimente. Si denota il disinteresse e il menefreghismo sempre più sviluppato dei cittadini che ai problemi del quartiere in cui risiedono dedicano attenzioni limitate solo alle critiche e mai a innovazioni realizzabili da praticare.

Comments are closed.